Monterosso Val d’Arda Festival, il 14 e 21 aprile i primi eventi correlati alla manifestazione

Mancano ormai poche settimane al 28 Aprile, primo giorno designato per il Monterosso Val d’Arda Festival, che continuerà anche il giorno successivo per un weekend immersi nella storia del borgo arquatese alla scoperta della sua tipicità enologica.

Gli eventi saranno numerosi e non sono limitati all’ultimo fine settimana del mese: inizieranno appunto con largo anticipo e il primo sarà già questo sabato 14 Aprile. Presso “AGRIBAR – buono e veloce” di S.Michele Campagna, nei pressi del Fidenza Village, si svolgerà un apericena con assaggi di cantine produttrici e sarà un modo per avvicinare il pubblico e far avere un primo assaggio della manifestazione.

Il percorso di avvicinamento continuerà il sabato 21, in cui si farà il vero e proprio ingresso nella cittadina medioevale. Presso il Palazzo del Podestà si terrà il convegno “VINO PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO”e la conferenza stampa di presentazione. Interverranno il sindaco, Ivano Rocchetta, Giorgio Zinno, coordinatore del Master Comet presso l’Università di Parma e Giuseppe Sidoli, presidente del Consorzio Vini Piacenza. Sarà presente anche Gabriele Righi, dirigente del comune di Parma, che esporrà il progetto “Parma Città Creativa dell’Unesco per la gastronomia.

Durante il Festival, il sabato 28, presso la Galleria d’arte Transivisionismo di via Sforza Caolzio, si svolgerà una degustazione di eccellenze passite piacentine vendemmia 2007. A guidare l’assaggio sarà il sommelier Luca Bersani e l’introduzione sarà gestita dal collega Matteo Cordani insieme al Fiduciario Slow Food di Piacenza Fernando Tribi. La domenica, inoltre, sarà allestito uno spazio bimbi in cui il servizio Tagesmutter della Cooperativa L’Arco insegnerà ai più piccoli come i tappi di sughero possano essere una fonte di gioco molto versatile. Il tutto sarà accompagnato da stand gastronomici, dai percorsi “trekking del vino” e da mostre sul territorio e la sua cultura della vite, con anche artisti come la pittrice enologica Maurizia Gentili.

Le degustazioni, infine, non saranno solamente legato al vino protagonista: ne è presente una sulla “cugina” Malvasia di Parma e un’altra sui prestigiosi vini provenzali, ospiti del Festival giunti da lontano.