Rapina alla gioielleria, convalidato l’arresto del 29enne in attesa dell’estradizione

Continuano le indagini dei Carabinieri per chiarire i retroscena della rapina alla gioielleria di Corso Vittorio Emanuele, mentre il personale addetto ai rilievi del Nucleo Investigativo Provinciale e dell’Aliquota Operativa del NOR della Compagnia stanno ultimando tutte le incombenze circa i fascicoli fotografici ed il repertamento sul luogo del crimine, il G.I.P. nominato, D.ssa Adele Savastano ha fissato l’udienza di convalida per la mattinata di domani 20 maggio nel carcere delle Novate, con l’accusa di rapina pluriaggravata in concorso e ricettazione aggravata, relativa allo scooter, risultato rubato nel milanese.

D’altra parte la Procura Generale presso la Corte d’Appello di Bologna ha convalidato l’arresto temporaneo a fine estradizionale del macedone, per un’aggressione commessa nel 2014 in patria, e si appresta a fissare l’udienza per discutere sulla richiesta di estradizione.

Nel contempo, l’Appuntato Scelto Arturo Repola, effettivo all’Ufficio Comando – Sezione Operazioni e Logistica del Comando Provinciale dei Carabinieri di Piacenza, dopo l’intervento risolutivo con l’esplosione di un colpo d’arma da fuoco ed il ferimento del rapinatore, è tornato alla sua normale mansione di autista del Comandante Provinciale.