Stroncato dalla meningite a 33 anni, appello dell’Ausl: “Chi è entrato in contatto ci chiami”

Ultime news all’ AUSL di Piacenza: Tre ambulatori attivi per informare e accogliere i cittadini, sabato 18 marzo dalle 08,30 alle 12,30 

Stroncato a soli 33 anni dalla meningite. La vittima si chiama Anselmo Cassi, 33 anni, noto in provincia in quanto calciatore, prima del Gragnano, attualmente del Bivio Volante. Il giovane ha trascorso il sabato sera, 11 marzo, al Madly Pub di Castelnuovo Valtidone, per questo motivo l’Ausl lancia un appello a chiunque fosse nello stesso locale quella stessa sera: contattate il vostro medico di famiglia o il servizio di Sanità Pubblica ai numeri 0523-317830 – 348-7702977 – 349-7618048.

Tre ambulatori attivi domani mattina per informare e accogliere i cittadini che possono essere venuti in contatto con il giovane di 33 anni morto ieri sera all’ospedale di Piacenza. L’Azienda Usl mette a disposizione i propri professionisti sabato 18 marzo, dalle 8.30 alle 12.30. I cittadini interessati possono rivolgersi a:

– ambulatorio Malattie infettive Sanità pubblica a piazzale Milano (Piacenza)
– reparto Malattie infettive all’ospedale di Piacenza
– ambulatorio Medicina ospedale di Castel San Giovanni.

L’obiettivo è quello di intercettare e trattare nel più breve tempo possibile le persone coinvolte ed esposte a un elevato ed effettivo rischio di contagio, ovvero chi è venuto a contatto con il malato in un luogo chiuso e ristretto per un tempo di alcune ore.

L’uomo deceduto ha frequentato il locale “Madly Pub” di Castelnuovo Valtidone nella serata di sabato 11 marzo.
Invitiamo quindi chi era presente nella medesima serata a contattare il proprio medico di famiglia o il servizio di Sanità Pubblica ai numeri 0523-317830 348-7702977 349-7618048 o a presentarsi domani mattina in uno dei punti indicati.

Il comunicato dell’Ausl

L’azienda Usl di Piacenza informa che la scorsa notte si è verificato il decesso di un giovane di 33 anni ricoverato ieri presso il reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Piacenza. Il paziente era stato trasportato al Pronto Soccorso di Castel San Giovanni in mattinata poco dopo le 8.00, su proposta del suo medico curante, per il peggioramento delle condizioni cliniche e la comparsa di segni che facevano presumere lo sviluppo di una grave infezione.

Su indicazione dell’infettivologo, contattato telefonicamente dai medici del Pronto Soccorso di Castello, il paziente veniva immediatamente sottoposto a terapia antibiotica e traferito, con l’accompagnamento del medico rianimatore, presso il reparto di Malattie Infettive di Piacenza. Le condizioni del paziente sono apparse da subito gravi tanto da richiedere la adozione della terapia antibiotica prevista per la Sepsi grave e della terapia di supporto concordata con i medici della Terapia intensiva.

Nel pomeriggio a fronte del peggioramento delle condizioni cliniche si rendeva necessario il trasferimento del paziente in Rianimazione con diagnosi clinica di stato di shock da sospetta sepsi da meningococco. Il paziente, nonostante le cure intraprese, moriva alle ore 23 e 30. Nel pomeriggio di oggi è giunta dal laboratorio conferma della diagnosi di infezione da meningococco. Come da procedura in caso di sospetto, informa il dr Guido Pedrazzini, Direttore Sanitario dell’Azienda Usl, sono state immediatamente avviate, le indagini epidemiologiche, e gli interventi di controllo e profilassi delle persone che sono venute a contatto stretto con il paziente negli dieci ultimi giorni.

Sono stati attivati anche i Medici di Medicina Generale in modo tale da poter rispondere, intercettare e trattare nel più breve tempo possibile le persone coinvolte ed esposte ad un elevato ed effettivo rischio di contagio. Per “persone esposte a elevato rischio effettivo”, si intendono le persone che sono venute a contatto con il malato in un luogo chiuso e ristretto per un tempo di alcune ore.

L’uomo deceduto ha frequentato il locale “Madly Pub” di Castelnuovo Valtidone nella serata di sabato 11 marzo; l’azienda invita quindi chi ha frequentato tale locale nella medesima serata, a contattare il proprio medico di famiglia o il servizio di Sanità Pubblica ai numeri 0523-317830 – 348-7702977 – 349-7618048.