Un cofanetto dedicato a Piacenza, l’iniziativa natalizia dell’associazione Oltre l’Autismo

L’obiettivo che sta perseguendo a Piacenza l’associazione “Oltre l’autismo” Onlus, in condivisione con l’azienda AUSL di Piacenza e le Istituzioni, è quello di costruire sul territorio un centro residenziale, diurno, flessibile e polifunzionale, a servizio dell’intera Provincia che oggi ne è sprovvista. Ogni anno, in occasione delle festività natalizie, l’associazione promuove un’ iniziativa, il cui intero ricavato viene utilizzato per finanziare le attività in favore dei ragazzi.
“Quest’anno spiega Maria Grazia Ballerini – a testimonianza anche del forte legame che vogliamo sempre più rafforzare con la città, si è deciso, in prossimità del 2236esimo compleanno di Piacenza, di realizzare un prodotto commemorativo che avesse come tema principale la città. Si è optato per un cofanetto contenente il CD “Dentro la sera” realizzato e donato dal pianista e compositore piacentino Pietro Galizzi (prodotto da Mario Fargetta) e una tazza ornata da un pentagramma in cui, al posto delle note, vi sono alcuni monumenti di Piacenza. All’interno della tazza ci sarà il “Piacerino”, cioccolatino di Piacenza prodotto dalla pasticceria Falicetto (nata a Piacenza nel 1985). L’iniziativa ha avuto il patrocinio del Comune di Piacenza. L’iniziativa natalizia dell’Associazione verrà presentata alla cittadinanza, in un incontro aperto al pubblico, sabato 2 dicembre, alle ore 16.30, presso il Conservatorio Nicolini di Piacenza alla presenza delle autorità cittadine e sarà moderato da un giornalista locale”.

“OLTRE L’AUTISMO” nasce nel 2003 come associazione di volontariato ad opera di un gruppo di famiglie che hanno sentito l’esigenza di dare voce ad un problema fino ad allora inespresso nel territorio piacentino: vivere con l’autismo. L’associazione si è fatta promotrice, nel tempo, di campagne di sensibilizzazione a favore di questo tema poco conosciuto e spesso considerato, superficialmente ed erroneamente, una “pura e semplice” patologia psichiatrica. L’autismo è un disturbo dello sviluppo neurobiologico che impedisce alla persona di interagire in maniera adeguata con gli altri e con l’ambiente circostante.

Questi soggetti presentano:
• deficit qualitativo dell’interazione sociale;
•deficit qualitativo della comunicazione verbale, non verbale e dell’immaginazione;
• limitazione e ripetitività di interessi e attività.

Questi disturbi condizionano, purtroppo, in maniera fortemente negativa la vita delle persone autistiche e delle loro famiglie.

“La nostra associazione Onlus, organizza nel territorio corsi e convegni al fine di indirizzare i cittadini e gli operatori (insegnanti, educatori, assistenti, etc.) alla comprensione e al rispetto della diversità; sostiene inoltre le famiglie fornendo loro materiale informativo e scientifico e supporto pratico per ottenere documenti e/o certificazioni necessarie all’accesso dei contributi previsti dalla legge”.

L’Associazione offre servizi di:

1. Counseling e promozione del confronto mediante incontri fra genitori (gruppo di auto-mutuo aiuto) a cadenza quindicinale, presso la nostra Sede operativa in Via Nasalli Rocca n. 29 (locali concessi in comodato d’uso dal Comune di Piacenza).

2. Info-point: lo sportello fornisce alle famiglie con persone autistiche:
a. notizie utili e aggiornate sulla patologia;
b. informazioni sulle iniziative in atto nel territorio provinciale e nazionale;
c. sostegno informativo sui percorsi di cura e sui servizi esistenti sul territorio;
d. supporto alle famiglie per gestire la continuità dei percorsi abilitativi intrapresi in altri contesti.

Negli ultimi anni poi, “Oltre l’autismo” ha implementato il suo intervento a livello progettuale con l’intento di sostenere attivamente e concretamente le famiglie. Sono stati realizzati interventi per la gestione del tempo libero, coinvolgendo i ragazzi in attività ludiche ed educative in continuità e in sinergia con le proposte del territorio. L’obiettivo associativo non è quello di essere “un’isola”, ma una parte del SISTEMA CURANTE che cresce e si espande in sintonia con le istituzioni e le realtà del Terzo Settore”.

“Il sistema curante è come un fiore fatto di petali (Servizio Sanitario, Sociale, Scolastico, Associativo, Familiare) nel quale ogni petalo è unico, fondamentale e insostituibile, per costruire un presente e un futuro di qualità per le persone autistiche. In particolare la Onlus collabora con l’UONPIA attraverso incontri periodici con il responsabile dell’Unità Operativa, Dott. Giuliano Limonta, Responsabile del dipartimento AUSL competente per l’Autismo (DSM e DP) e partecipa attivamente al gruppo operativo sovra-distrettuale e inter-istituzionale: AUTISMO 0-30. Tali momenti di confronto permettono uno scambio di informazioni utili per costruire progetti futuri”.

Data l’importanza di costruire una rete territoriale per la disabilità, l’associazione partecipa anche a tavoli tematici con il Comune di Piacenza, il CUF, il Centro Servizi Autismo V Circolo PC, la Provincia e il Privato Sociale. Il riconoscimento a livello provinciale di quanto costruito e realizzato dalla nostra associazione ha permesso, negli anni, di avere in concessione dal Comune di Piacenza una sede esclusiva in città, in via Nasalli Rocca, oltre ai locali già in uso presso il “Villino” di Podenzano. La concessione di nuovi spazi ha consentito di pensare a un ampliamento di progetti che coinvolgano un numero sempre maggiore di soggetti (attualmente in carico circa una sessantina tra bambini, ragazzi e giovani adulti), considerato il progressivo incremento di famiglie associate e la conseguente domanda di sostegno”.

Negli ultimi anni l’Associazione ha realizzato i seguenti progetti educativi per il tempo libero:

• Centri Estivi 2011-2012-2013-2014-2015-2016-2017 “APERTI PER FERIE”;
• Vacanze di Natale 2011-2012-2013-2014-2015-2016-2017 “NATALE IN COMPAGNIA”;
• Vacanze di Pasqua 2014-2015-2016 “PASQUA IN ALLEGRIA”;
• Attività nel week-end “AUT FOR A… WEEK-END” 2012-2013-2014-2015-2016-2017;
• Soggiorno al mare “ WORK IN PROGRESS” 2016.
• Soggiorno rifugio Lecco 2017
• Start-work 2017, progetto sperimentale pre-professionale con un piccolo gruppo di ragazzi-giovani adulti, con educatori in rapporto 1/1
• Progetto “Le mani” , da gennaio a luglio 2017 con i professionisti del CAI (Club Alpino Italiano).
Il percorso prevedeva vari step (incontri preparatori, per arrampicate e percorsi sensoriali di orientamento presso la loro palestra e uscite sul nostro territorio, con weekend nel rifugio Gaep di Ferriere e sul lago di Lecco) per il raggiungimento finale di una vacanza in montagna presso il rifugio Lecco.

I Centri Estivi 2011-2012-2013-2014-2015-2016-2017 “APERTI PER FERIE”, Vacanze di Natale 2011-2012-2013-2014-2015-2016-2017 “NATALE IN COMPAGNIA” sono stati pensati e costruiti riconoscendo le difficoltà che le famiglie affrontano quando le scuole e i centri sono chiusi; ciò in quanto non è consentito a questi soggetti di frequentare contesti ludici, ricreativi e sportivi in genere usufruibili da soggetti normodotati.
I progetti, inoltre, sono stati realizzati allo scopo di potenziare le autonomie personali e l’accrescimento delle abilità sociali, con il fine ultimo di promuovere un loro sempre più positivo inserimento nella comunità.

“AUT FOR A… WEEK-END” 2012-2013-2014-2015-2016-2017 è un progetto che prevede – durante il fine settimana – attività per il tempo libero dedicate a bambini e giovani-adulti autistici. Lo scopo è quello di migliorare la qualità della vita dei ragazzi autistici nonché di accrescere la fiducia in sé stessi e nel mondo in cui

vivono. Gli stimoli che ricevono mirano ad aumentare l’autostima e a sviluppare e mantenere autonomie utili per la loro vita futura.
“WORK IN PROGRESS” è un progetto che, organizzato in diverse fasi, ha consentito ai nostri ragazzi di soggiornare per un periodo di tempo in una località di mare. I ragazzi accompagnati da educatori hanno frequentato ambienti diversi della sede e pernottato fuori casa con lo scopo di migliorare la qualità della vita, nonché di accrescere la fiducia in sè stessi e nel mondo in cui vivono.

L’obiettivo generale di questa esperienza è quello di sviluppare abilità e autonomie all’interno di un contesto sociale diverso, generalizzando le competenze acquisite durante i mesi di lavoro precedenti. In questo modo vengono favorite occasioni di scambio e di confronto con l’esterno e soprattutto situazioni nelle quali possono essere appresi strumenti volti all’autoregolazione del proprio comportamento tramite l’esperienza e/o l’osservazione dell’altro (salutare all’entrata, stare seduti durante tutta la durata del pasto), il rinforzo delle capacità di scelta (scegliere dal menù) e lo sviluppo dell’autonomia.

Per realizzare le attività, l’associazione si è avvalsa della consulenza di diverse figure professionali (neuropsichiatra, psicologo, educatori, tutto personale di Kairos Centro abilitativo e socio educativo per soggetti con DSG in età evolutiva) preparate all’utilizzo della metodologia A.B.A. (Analisi del Comportamento Applicata). Queste tecniche sono riconosciute per la loro validità dalla Comunità Scientifica Internazionale e dalle Linee Guida 21 del SNLG – ISS (Sistema Nazionale per le Linee Guida – Istituto Superiore Sanità).

Non avendo aperte Convenzioni, l’associazione finanzia i progetti grazie al contributo di enti pubblici e privati occasionali, alla generosità di singoli cittadini e al 5×1000.