Regione 212 milioni di euro per servizi a imprese e cittadini

La Giunta approva l’assestamento di bilancio per 212 milioni di euro. Risorse per i servizi a imprese e cittadini, green economy e sicurezza del territorio. Errani: “Il nostro sforzo per rispondere alle priorità delle persone e sostenere una crescita di qualità”

Bologna – Interventi finalizzati a contenere gli effetti della crisi economica e occupazionale, investimenti nel settore della green economy e per la viabilità e la sicurezza del territorio. Sono le priorità indicate dalla manovra di assestamento di bilancio, approvata oggi dalla Giunta regionale.

L’assestamento nel suo complesso ammonta a circa 212 milioni di euro di cui 103,7 per spese correnti e 108,7 di investimento in conto capitale.

“E’ una manovra tutta proiettata sulle priorità fondamentali che sono il lavoro, l’emergenza casa, il diritto allo studio e le imprese”, ha spiegato il presidente della Regione Vasco Errani. “Su questo nell’assestamento di bilancio, in controtendenza rispetto alla manovra del Governo, facciamo uno sforzo per dare un segnale di sostegno al problema della crescita di qualità e ambientalmente compatibile, affrontando anche alcune emergenze significative per il Paese e la nostra regione”.

Welfare e sostegno alle famiglie

Con l’assestamento al bilancio, oltre 135 milioni di euro sono destinati alle risposte immediate ai bisogni dei cittadini, per garantire la qualità del Servizio sanitario (compresa l’erogazione di servizi a prestazione aggiuntiva dei Livelli essenziali di assistenza, 60 milioni) e delle sue strutture e attrezzature (15 milioni) e per i servizi dei Comuni nel campo dell’assistenza sociale (7 milioni); per nuovi asili nido (3,5 milioni).

Circa 1,5 milioni di euro sono poi rivolti alle scuole e ai progetti innovativi proposti dalle autonomie, mentre oltre 5,8 alle borse di studio e all’edilizia scolastica per gli studenti universitari.

Sul fronte dell’emergenza abitativa, 2 milioni di euro vanno in parti uguali al sostegno all’affitto per le famiglie svantaggiate e alla costituzione di un fondo di garanzia per la sospensione delle procedure di sfratto. La manovra dà anche attuazione all’accordo di programma per la realizzazione di alloggi a canone sostenibile (con 15 milioni di euro di risorse regionali e 16,6 statali).

Infine, 4,6 milioni di euro di spese correnti e 4,5 di investimento sono finalizzate al settore della cultura, sport e a progetti per i giovani.

Aiuti al lavoro e alle imprese per lo sviluppo economico

Diverse le misure destinate a salvaguardare e migliorare la competitività dell’Emilia-Romagna. La manovra di assestamento mette a disposizione 78,6 milioni di euro, destinati al sostegno e alla qualificazione delle imprese (5 milioni), alla riqualificazione delle strutture ricettive (3,5 milioni) e delle aree commerciali nei centri storici (2 milioni) e per facilitare l’accesso al credito delle imprese agricole (3 milioni). Mentre, sul fronte dell’occupazione, nella seconda metà dell’anno saranno potenziate politiche attive per i lavoratori delle aziende in difficoltà anche grazie alle risorse del fondo sociale europeo.

12,2 milioni di euro vanno, invece, a potenziare gli investimenti per la dotazione energetica delle aree, con impianti fotovoltaici e moderni sistemi energetici; 13,4 all’ammodernamento della rete viaria di interesse regionale e 35,5 allo sviluppo della rete veloce internet, per garantirvi l’accesso a tutto il territorio.

Ammontano a 4 milioni, invece, le risorse previste nel Piano di azione ambientale come contributi alle imprese per la rimozione dell’amianto dai luoghi di lavoro e che, considerando anche l’apporto dei privati, produrrà un investimento complessivo pari a 7 milioni di euro.

Sicurezza del territorio

Per la ristrutturazione straordinaria di strade e opere pubbliche danneggiate dal maltempo, per la difesa del suolo e della costa la Regione mette a disposizione complessivamente 22,7 milioni di euro.

Valmarecchia

La manovra di assestamento tiene conto del mutato assetto regionale, con i nuovi sette Comuni che si sono aggregati all’Emilia-Romagna. Per turismo, riqualificazione commerciale e manutenzione straordinaria delle strade sono previsti 3,5 milioni di euro.