L\’amministrazione Reggi traballa

Radio Sound
Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza
blank blank blank

Duro scontro durante il consiglio comunale che si sta svolgendo in queste ore a Palazzo Mercanti. La minoranza, per protesta, ha fatto mancare il numero legale in aula all’esecuzione del primo appello. Al secondo appello il numero legale è stato raggiunto, anche se non si sono placate le invettive rivolte dal Pdl nei confronti dell’amministrazione. Motivo del contendere: i nuovi argomenti portati in aula dall’amministrazione per essere discussi, a detta della minoranza (per voce del capogruppo Marco Tassi), di portata troppo ampia per poter essere approvati tutti insieme e nelle ultime sedute pre-estive (Palazzo ex Enel, Imepeb, Parco enogastronomico e donazione intermodale del Palabanca). 

Pronta è arrivata la replica del vicesindaco Francesco Cacciatore, che ha tacciato come curiosa la protesta della minoranza: “Quando si portano argomenti di discussione” ha ribadito Cacciatore: “Bisogna far sapere alla popolazione in che modo si comporta l’opposizione”.

La maggioranza di Palazzo Mercanti continua comunque a perde i pezzi. Oltre al ritardo dovuto alla mancanza del numero legale, per poter iniziare il dibattito è stata sostenuta, ancora una volta, dall’Udc. Inoltre il consigliere Giampaolo Crespoli ha ufficialmente annunciato il suo passaggio dal Partito Democratico al gruppo Piacenza Tutta (istituito dai consiglieri Gattoni e Zucconi un paio di mesi fa). Un ulteriore tassello perso da quest’amministrazione, che ora si regge su una numeri risicatissimi. Una decisione che è stata metabolizzata già da qualche tempo, secondo il consigliere Giampaolo Romersi (Pd), dopo che Crespoli non partecipò all’ultimo Congresso.