Caso salmonella nelle scuole: pronti i risarcimenti per le famiglie

Come fu comunicato dall’Amministrazione nell’incontro con le famiglie interessate nella sala del Consiglio Comunale lo scorso 25 maggio, sono pronte le proposte di ristoro delle spese e dei danni conseguenti agli episodi di contagio da salmonellosi che si verificò nel febbraio di quest’anno presso alcune mense scolastiche piacentine.

Il Comune infatti si è fatto promotore nel facilitare al massimo i contatti e il coordinamento tra le aziende coinvolte, le loro compagnie assicurative e le famiglie stesse, raggiungendo lo scopo di ottenere una rapida definizione della singola posizione di ogni bambino.

I genitori dei bambini hanno fatto pervenire, per il tramite degli uffici comunali la documentazione e la certificazione delle spese sostenute; queste sono state sottoposte ad un attento e competente vaglio anche medico legale, secondo i canoni clinici comuni per questa tipologia di danno.

Sono state considerate, tenendo conto della documentazione fornita e in rapporto al periodo di malattia, le spese sostenute dalle famiglie, come le ferie, i permessi fruiti dai genitori per assistere i figli nei giorni della malattia, oppure le spese della baby-sitter, gli esami clinici, i medicinali e quant’altro.

Gli esisti sono stati ora tradotti in proposte economiche individuali, per ogni bambino, secondo i parametri risarcitori aggiornati alle ultime tabelle Ministeriali del 2009.

In tempi brevissimi, ne è così scaturita una offerta seria e congrua, che ora si è in grado di proporre alle famiglie.

A partire da lunedì ogni famiglia sarà dunque telefonicamente contattata dai funzionari dei Servizi Scolastici del Comune ( di cui si forniscono comunque i recapiti telefonici – tel. 0523 / 492595 e 0523 / 492596) perché si presentino a ritirare la proposta di offerta che la riguarda, la quale, se accettata, verrà immediatamente liquidata.

Il Comune esprime il proprio ringraziamento per la collaborazione e l’intesa raggiunta dalle aziende con il supporto degli uffici comunali, è stata infatti dimostrata la massima sensibilità e il grande senso di responsabilità, indice di serietà professionale, nei confronti delle sofferenze causate ai bambini dallo spiacevole evento e dei disagi che ne sono conseguiti alle famiglie.