Indagato l\’istruttore di Domenico ed Angelo Ferrari

C’e’ un indagato per la morte dei due sub, padre e figlio, rimasti bloccati in una grotta antistante Portofino nel week end scorso: si tratta dell’istruttore e guida che li accompagnava. Omicidio colposo plurimo e’ il reato contestato dalla Procura di Chiavari (pm titolare dell’inchiesta Francesco Brancaccio) all’istruttore (A.G.) residente a Milano che, dopo essere riuscito ad uscire dalla grotta, ha dato l’allarme per permettere il salvataggio di Angelo Ferrari, il turista piacentino di 17 anni, rimasto incastrato, insieme al padre, in un’insenatura durante un’immersione subacquea.

La tragedia e’ avvenuta nella grotta di San Giorgio di fronte a Portofino, nell’area marina protetta, sabato in tarda mattinata. In quella tragica immersione, e’ deceduto anche il padre del giovane, Domenico Ferrari (sindaco di una cittadina in provincia di Piacenza) di 53 anni.