Alessandro Tinaburri trionfa al Formula Driver a Piacenza Expo

La seconda edizione del Formula Driver Piacenza Expo, andata in scena domenica 1 gosto, è stata un grandissimo successo con oltre ottanti piloti impegnati in pista. Teatro della competizione, organizzata dalla Scuderia Invicta e valida per il Campionato Italiano Uisp Unicef, è stato il piazzale di Piacenza Expo, dove è stato allestito il circuito, come sempre omologato secondo le norme di sicurezza del regolamento della Lega Nazionale Automobilismo Uisp, su cui si sono sfidati i tanti piloti presenti alla manifestazione. Apripista d’eccezione è stato il rallysta piacentino Andrea Carella, fresco vincitore del Trofe Peugeot 207, ha dato spettacolo al volante di una Delta Integrale a bordo della quale ha dimostrato ancora una volta di saperci fare e di schiacciare l’acceleratore divertendosi anche in pista oltre che nei rally.

A trionfare nella gara di casa è stato il piacentino Alessandro Tinaburri (Invicta) che al volante della sua Predator’s ha dominato la classifica assoluta e la categoria, staccando il miglior tempo in tutte e tre le manches e disputando una finale funambolica conclusa in 2’35″55. I diretti avversari Daniele Ravaioli e Arturo Alessandrini, rispettivamente al volante di una Proto Yamaha 1000 e di un’Osella PA-9, si sono impegnati al massimo per raggiungere il velocissimo piacentino, dando vita a una gara sul filo dei secondi, ma non è stato sufficiente: Ravaioli ha chiuso in 2’36″32 conquistando così il secondo posto assoluto, mentre a completare il podio è stato Alessandrini con 2’37″09. Come accade quasi sempre i primi tre posti assoluti sono la fotocopia del podio della categoria E, dove ai piedi del podio si è fermato Valter Giampaoli che al volante di una SixtySeven 2 è arrivato quarto di categoria e assoluto con 2’40″47.

In gara si è presentata anche la velocissima Maria Grazia Vavassori, al volante di una Renault Clio ed unica rappresentante del gentil sesso nella categoria Lady, che ha realizzato tempi stratosferici: basti dire che ha chiuso la finale in 2’57″58 ed in classifica assoluta si è piazzata al 24esimo posto.

Nella categoria Serie è stato il piacentino Alberto Ticchi (Invicta) a salire sul primo gradino del podio chiudendo la finale in 3’06″74. Un ottimo risultato per il giovane piacentino che si è preso una sonora rivincita, dopo la squalifica subita ad Ottobiano, battendo i favoriti veneti Daniele Bobbo e Mirco Cavazzina, entrambi su Renault Clio 16v, che in finale hanno chiuso rispettivamente in 3’08″75 e 3’16″90.

Andrea Scopel ha vinto la categoria A al volante della sua A112 Abarth dopo tre manches molto combattute con Roberto Boscariol (su Fiat Uno). In finale è stato comunque più veloce Scopel, che ha preceduto Boscariol di 48 decimi di secondo, concludendo in 2’52″09, seguito da Boscariol che ha fermato il cronometro su 2’52″57. A completare il podio è stato Ercole Giorgi su Peugeot 106 che ha chiuso in 3’03″45, seguito al quarto posto da Gianluigi Luzzoli (Invicta) che ha finito la gara in 3’08″95.

Nella categoria B Manuel Trentin su Peugeot 106 ha portato a casa il primo posto ed il miglior tempo concludendo la finale in 2’51″56, precedendo di oltre in secondo il secondo classificato Antonello Pelizzari che al volante di una Peugeot 205 rally ha chiuso in 2’52″80. Terzo di categoria si è piazzato Gianpaolo Este (Invicta) a bordo della Peugeot 205 si è classificato per la finale e l’ha chiusa in 2’53″18, seguito a 2’53″77 da Franco Merighetti su Peugeot 106.

A regalare grande spettacolo è stata la categoria C dove la lotta è sempre serratissima e sul filo dei secondi: anche stavolta, come nelle gare passate, la gara si è ridotta ad un duello vero e proprio tra Robert Lanzoni sulla sua Opel Astra ed il piacentino Alessandro Ferrari (Invicta) su Renault Clio Cup, che si sono qualificati, rispettivamente, con il miglior tempo di 2’49″95 e di 2’50″77. In finale entrambi hanno spremuto le loro vetture migliorando ancora di più il tempo e chiudendo in 2’49″82 Lanzoni si è aggiudicato l’oro di categoria, mentre il piacentino si è fermato a 2’50″12 e si è dunque dovuto accontentare del secondo posto. A chiudere il podio è stato Antonio Apicella che su Fiat Uno Turbo ha chiuso in 2’54″54, mentre quarto è Andrea Pellegrini su Fiat Punto Gt Turbo (2’59″65).

Antonio Bernardoni (Invicta) è invece salito sul primo gradino della categoria D2RM dove con la sua Talbot ha fermato il cronometro su 2’53″71, seguito da Daniele Pagliari (Invicta) su Fiat X1/9 che ha chiuso in 2’59″25.

Nella categoria D4X4 abbiamo assistito ad un duello spettacolare tra Lorenzo Pippa, Giovanni Emilio Rizzi (Invicta) e Marco Pippa: la Toyota Celica di Rizzi contro due Lancia Delta Integrali. Dopo una finale funambolica ai limiti dei decimi di secondi, la classifica finale di categoria ha visto vincere Lorenzo Pippa in 2’50″59, mentre Rizzi si è fermato a 2’51″09, perdendo la vetta per 10 decimi. Leggermente più staccato ha finito Marco Pippa con 2’51″68, mentre ai piedi del podio si è fermato Wilmer Rizzi che con la sua Subaru Impreza ha staccato 2’53″11.

Nella categoria Sport Simone Marchetti (Invicta) se l’è dovuta vedere con un velocissimo Marco Tessari ed entrambi hanno schiacciato l’acceleratore delle rispettive Y10 e Fiat 500 Proto dando vita ad una battaglia in piena regola, conclusasi con la vittoria di Tessari che ha vinto la finale in 2’41″95, mentre Marchetti si è fermato a 2’43″92. Sul terzo gradino del podio è salito Aldo Cassinelli (Invicta) su Mini Suzuki (2’54″98).

Nella categoria Promotion (tutti i piloti al volante di Predator’s) finale con il fiato sospeso a causa di uno scontro a centro pista tra Cristian Moschini e Fabio Braghè, entrambi illesi ma la loro gara è finita prima del previsto ed entrambi potevano puntare al podio. A vincere è stato invece Eugenio Grandi che ha chiuso la finale in 2’46″65, seguito da Fabrizio Bressi (2’47″96) e da Giovanni Vincenti (2’58″78).

Alla gara erano presenti anche alcuni piloti nella categoria Libera, che non fa classifica, ma il miglior tempo è stato realizzato dal piacentino Eugenio Bellotti che ha chiuso in 2’58″03, seguito da Elia Bossalini (3’03″57), terzo è Andrea Galletti (3’04″00), mentre a chiudere la categoria è stato Roberto Polledriin 3’06″96.

Durante la giornata di gara era presente l’Admo (Associazione Donatori Midollo Osseo) che aveva allestito un piccolo chiosco informativo per sensibilizzare e promuovere l’importanza della donazione di midollo osseo. La competizione è stata organizzata in collaborazione con CO.PR.ES.C. (Coordinamento Provinciale Enti Servizi Civili), oltre che con il Comune e la Provincia di Piacenza, ed un ringraziamento particolare è doveroso rivolgerlo a Pierpaolo Gallini, assessore al welfare e alle politiche sociali, che ha presenziato alle premiazioni e che si è dimostrato contento della giornata di gara e ha già rinnovato l’appuntamento per il prossimo anno.

«Da parte nostra – ha detto Danilo Magnani, segretario della Scuderia Invicta – siamo molto soddisfatti della giornata e di com’è andata la gara e soprattutto del grande numero di iscritti presenti e del folto pubblico che sia di mattina che di pomeriggio è venuto ad godersi lo spettacolo. Colgo l’occasione per ringraziare tutti i collaboratori e le persone che hanno reso possibile il perfetto svolgimento della gara».

Ora l’appuntamento è per il 29 agosto a Castel San Giovanni, per il quinto appuntamento stagionale organizzato dalla Scuderia Invicta. Per maggiori informazioni sul programma e per le iscrizioni visitare il sito www.scuderiainvicta.com oppure mandare una mail a scuderiainvicta@gmail.com.