Rebecchi, con Redipuglia si chiude la stagione.

Dopo quattro mesi intensi, 34 partite e quasi 300 innings giocati, termina nel week end la regular season 2010 di serie A federale, il primo campionato dopo la ristrutturazione dei campionati. E con la 18° giornata, che vedrà nel week end i ragazzi di D’Auria viaggiare fino a Redipuglia (Gorizia), si chiude di fatto la stagione agonistica ufficiale della Rebecchi Cariparma, non avendo i biancorossi né la coda dei play off scudetto né la final four di Coppa Italia (centrata nel 2009). Un passo indietro rispetto all’ottima precedente stagione (probabile 5° posto contro il 4° del 2009), ma con l’attenuante dei tanti, troppi infortuni che hanno colpito il roster piacentino nei ruoli chiave: lesione al gomito per Daniele Tosi, partente di gara1, problemi all’articolazione della spalla per Simone Cammi, il catcher che doveva alternarsi con Gorrin dietro casa base, lesione dei legamenti del polso per il lead off Lorenzo Riccio e, per finire, epicondilite al gomito per il fuoriclasse Nibaldo Acosta, di fatto costretto a scendere in campo con il contagocce nel girone di ritorno. Nonostante ciò, un bottino di 17 vinte e altrettante sconfitte, a 500 di media, con una salvezza mai in discussione ed un centro classifica consolidato da ottime prove negli ultimi week end, a cui va aggiunto l’esordio assoluto in prima squadra di ben quattro giovani leve piacentine: Daniele Palladini (18 anni), Tommaso Berra (16 anni), Luca Marzani (18) e Marcello Gremi (17).

Resta l’ultimo, non semplice impegno nella tana del Redipuglia, che segue in classifica la Rebecchi Cariparma e che con un doppio successo potrebbe scavalcare sul filo di lana Bertonazzi e compagni. Servirà quindi un pareggio per chiudere in modo positivo questo 2010 e per centrare il 5° posto, alle spalle della regina Codogno e del trio in lotta per il secondo posto utile per l’accesso ai play off: Bollate, Senago e Rovigo.

D’Auria potrà contare su tutti gli effettivi della rosa ad eccezione di Anelli, ai box per problemi di lavoro.

Prevedibile un massiccio turn over per dare spazio a tutti i ragazzi del roster, mantenendo comunque un equilibrio che possa permettere di giocarsi alla pari entrambi gli incontri.

Redipuglia (vittorioso all’andata al De Benedetti in entrambi i match), nel confronto statistico con Piacenza, ha un attacco leggermente meno efficace (257 contro il 260 di squadra del nove biancorosso) ma si fa preferire sia in difesa (954 contro 950) che sul monte di lancio (3.83 per i giuliani, 4.42 per i piacentini).

Venendo ai singoli, i padroni di casa hanno nei due partenti il loro punto forte: il veterano Andrea Cossar (nazionale azzurro nel 2007) in gara1 e il professionista venezuelano Ismael Ramirez (nel 2006 ha fatto parte del 40 men roster dei Toronto Blue Jays in Major League, mentre in inverno è nel pitching staff delle Aguilas del Zulia, storica franchigia professionistica venezuelana), segnalato a Redipuglia proprio dal manager piacentino Andrea D’Auria, nella replica serale.

Altri elementi di valore nel roster dei padroni di casa sono gli esterni Zamò e Cechet, il prima base Cecotti e l’interbase italo venezuelano Delgado.

Ad arbitrare il doppio incontro di sabato (ore 15.30 inizio di gara1) e domenica (ore 10.00 per gara2) la coppia Franco-Devit.

LE ALTRE PARTITE: Cagliari-Codogno; Rovigo-Novara; Bollate-Juve ’98; Senago-Ponte di Piave.

CLASSIFICA: Codogno 843 (27 vinte-5 perse); Bollate 718 (23-9); Senago 700 (21-9); Rovigo 666 (20-10); REBECCHI CARIPARMA 500 (17-17); Redipuglia 468 (15-17); Juve ’98 437 (14-18); Ponte di Piave 406 (13-19); Novara 205 (7-27); Cagliari 035 (1-27)

SERIE C: comoda vittoria dei biancorossi di Sartori nell’ultimo impegno di regular season. Punteggio di 13-2 e manifesta superiorità inflitta all’Alpha Blues Modena. Conclusione di campionato al 4° posto, con 6 vittorie e 6 sconfitte, a quota 500 in classifica.