Sempre Lanna nel mirino dei \”dissidenti\” della Cgil piacentina.

Ascolta a fondo pagina Carlo Berra.

Si intitolava “Cara Cgil parliamone”, ma il tono del dibattito è stato tutt’altro che amorevole. Durante il convegno sui problemi del sindacato, tenutosi ieri sera all’auditorium di Santa Maria della Pace, alcuni dei cosiddetti “dissidenti” sono tornati a sparare a zero verso la casa madre. In particolare Carlo Berra, oltre ai problemi giudiziari, ha messo in evidenza il ruolo politico del nuovo segretario Paolo Lanna, considerato il garante di un accordo imposto da Roma, che però non tiene conto delle istanze delle minoranze. Berra ha poi dato la sua solidarietà all’ex segretario Gianni Copelli, un capro espiatorio secondo Berra, che essendo persona di sani prencipi non è sceso a compromessi ed è stato quindi fatto fuori. Infine Carlo Berra si è pronunciato anche sull’ex segretario della Fiom e del partito Democratico paolo Botti. Anche in questo acso berra ha dato la sua solidarietà a Botti, essendo troppo facile sparare a zero su una persona che nell’ultimo anno ha perso tutto.