Cacia: Torino avversario tosto, ma il Piacenza può fare risultato

“Una partita da non perdere, ma ora guardiamo avanti”. Decisamente pragmatico l’attaccante del Piacenza calcio Daniele Cacia, che dopo la sconfitta contro il Cittadella si prepara alla difficile sfida contro il Torino. Cacia lentamente sta trovando la forma migliore dopo un turno di stop precauzionale, si è dichiarato non sorpreso delle difficoltà incontrate dai granata in questo inizio di campionato: “tutte le grandi squadre che dovevano ammazzare il campionato poi alla fine hanno avuto difficoltà e il Torino non ha fatto eccezione”. Al termine dell’allenamento di oggi Daniele Cacia, in conferenza stampa ha poi ribadito come: “sabato contro il Cittadella abbiamo commesso alcuni errori che avevamo fatto nella prima parte del campionato: quando si prendono due gol su due calci piazzati la partita inizia a girare per il verso storto. Il Torino è una squadra con vari giocatori che possono fare la differenza e noi dovremo cercare di ritrovare la continuità di risultati che aveva caratterizzato l’ultimo mese e mezzo. Ormai tutte le partite sono difficili e ogni volta c’è la possibilità di ribaltare la classifica”.

Daniele Cacia è sembrato fiducioso sulle potenzialità dei biancorossi per la salvezza: “la classifica è molto corta e basta vincere una partita per veder sfilare dietro 5-6 squadre. Certo una squadra come la nostra non può mai perdere la concentrazione”.

Tornando sulla partita di Cittadella, dov’era assente per un piccolo risentimento muscolare, Cacia ha detto che i biancorossi sono tornati a fare i vecchi errori delle prime partite, in particolare su calcio piazzato, ma ha poi chiarito: “quando prendi gol su tre tiri in porta poi è difficile reagire, anche se nel secondo tempo meritavamo di più. Troppo spesso gli episodi condizionano il risultato e ci si dimentica quel che di buono si è fatto in campo”.

Infine il bomber biancorosso, arrivato a quota 8 gol in questo campionato, ha lanciato un pensiero per il suo omologo granata Rolando Bianchi, che molto probabilmente sarà assente sabato contro il Piacenza: “Un attaccante come Rolando, che segna a raffica negli ultimi anni è sempre temibile. La sua assenza sarà sicuramente un vantaggio per noi, anche se tra le loro fila ci sono altri giocatori pericolosi, come Junco e Sgrigna”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank