Accorpamento festività laiche. Cravedi, Anpi Piacenza: \”Un\’assurdità\”

La manovra economica del Governo scontenta anche l’Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia). Sembra infatti che nel testo sia contenuta una norma che preveda l’accorpamento delle festività definite “non concordatarie” per ridurre i ponti festivi. Ad essere toccate sarebbero quindi ricorrenze come il 25 aprile, ma anche il 1 maggio e il 2 giugno, che non verrebbero cancellate, ma festeggiate la domenica ad esse più vicina. Una scelta, questa, considerata come “un’assurdità” da Mario Cravedi, Presidente provinciale dell’Anpi. Perché, come spiegato dallo stesso Cravedi: “Le feste caratteristiche, che danno struttura alla Nazione, non vanno toccate. Vedremo poi quali azioni a livello parlamentare intraprendere perché questa legge non intacchi ne il 25 aprile, nel il primo maggio ne il giorno della Repubblica”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank