Il Terzo Polo si presenta per le elezioni 2012

I grattacapi del centrodestra a livello nazionale e la bagarre delle primarie nel centrosinistra locale rafforzano il progetto di Terzo Polo anche a Piacenza. A partire dal fatto che nel direttivo di venerdì sera l’Udc, a larghissima maggioranza, ha votato una mozione che spinge seccamente nella direzione del Terzo Polo. «Il direttivo si è espresso perché alle prossime Comunali si privilegi la strada di una lista unitaria del Terzo Polo con un programma condiviso e un candidato sindaco autorevole». A spiegarlo è stato il neosegretario Gianguido Carini durante la conferenza stampa che ieri mattina ha tenuto insieme con i comapgni di viaggo Api e Fli . Oltre al cordoglio unanime espresso verso le vittime dell’alluvione che ha colpito Genova, Udc, Api e Fli (cui si aggiunge anche l’Mpa) hanno voluto presentare l’iniziativa del 19 novembre che si terrà a Verona e che vedrà anche la partecipazone di una delegazione piacentina. Si tratta di un incontro intitolato “Il Nord tradito”. «Si parlerà del nord e delle promesse non mantenute dalle forze di governo, in particolare quelle della Lega Nord – ha detto Flavio Antelmi di Api – oggi il nord versa in una difficoltà economica e politica e noi abbiamo l’ambizione di presentarci per poter dire che una terza via è possibile».

E che il Terzo Polo stia prendendo sempre più forma lo dimostra la creazione di un corrodinamento regionale chiamato a tenere un occhio particolare sulle province di Parma e Piacenza attese nella prossima primavera dal voto. E’ composto da Elena Torri (Api), Sergio Celloni (Mpa), Enzo Raisi (Fli) e Davide Torrini (Udc). Un occhio particolare, si diceva. Ma «nessun diktat» dal centro. «Le decisioni locali verranno prese in ambito locale» hanno detto convinti i terzopolisti anche per evitare frazionamenti che possano provocare un nuovo Molise. E a tal proposito il Terzo Polo sembra intenzionato a trarre profitto da un centrodestra malconcio a livello nazionale e da un centrosinistra che a Piacenza litiga sulle primarie. Anche per ragioni di convenienza si legge dunque la mossa del direttivo Udc che a rriva a sole due settimane dall’appello lanciato dal Pdl a tutte le forze centriste per una grande alleanza. «In Provincia siamo alleati fedeli del centrodestra, ma sulle Comunali lo scenario è decisamente cambiato. Ci sentiamo liberi di scegliere la nostra strada» ha informato Carini ricordando l’importante presa di posizione del direttivo. E che il Terzo Polo possa semrpe di più accogliere gli scontenti dei due poli maggiori lo si capisce anche dalle parole degli altri presenti. Da Fabrizio Faimali (Api): «Nessun contatto finora con il Pdl, ma noi andiamo avanti con il Terzo Polo convinti di poter rappresentare la novità». Gianpaolo Crespoli rafforza il

concetto: «Impossibile parlare di alleanze con un centrosinistra che apre a Idv o Prc, e nemmeno con un centrodestra se esso esprime un candidato leghista».

Stessa opinione di Daniele Gardi (Fli): «Esprimo apprezzamento per le aperture del Pdl. Ma a Piacenza il Pdl non può certo cantare vittoria visto che qui non ci sono premesse diverse da quelle di Roma.

Marcello Pollastri

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank