\”Suap\”: dalla carta al web per migliorare la gestione delle pratiche

Un servizio telematico per migliorare e velocizzare la gestione delle pratiche del commercio e dell’edilizia. Una vera e propria rivoluzione che porterà alla fine dell’era della “carta” per l’invio delle pratiche ai Comuni. In una parola: Suap (sportello unico attività produttive telematiche). Questa mattina è stata presentata l’innovazione che permetterà agli utenti e ai cittadini di Piacenza e Provincia di effettuare l’invio di pratiche direttamente sul sito del comune, facendo riferimento allo Sportello Unico, risparmiando tempo e denaro. Grazie a questa operazione, partita in via sperimentale dal febbraio scorso, tutti i documenti potranno essere inoltrati on line agli uffici tecnici dei municipi, con una procedura guidata che accompagna cittadini e imprese nel percorso, a vantaggio dei tempi di compilazione e di risposta (garantita entro 60 giorni) e con un significativo risparmio di risorse.

Si tratta – ha affermato l’assessore Andrea Paparo – di un’iniziativa che porterà ad un diverso rapporto tra cittadini e uffici comunali. Un’innovazione clamorosa: l’inizio di una nuova rivoluzione, che intendiamo portare nelle case e nelle aziende, come strumento utile e operativo di snellimento, velocizzazione e semplificazione delle procedure”.

Ma non solo: “Negli ultimi mesi – ha dichiarato Enrico Scarpa, dirigente della Provincia – ci siamo impegnati perché venisse migliorato ancora un altro servizio: i vari procedimenti amministrativi, che avevano modulistiche diverse di comune in comune, adesso sono standardizzati per tutti i 48 comuni della provincia di Piacenza”.

Presenti alla conferenza stampa anche il dirigente Assunta Paradiso e la funzionaria del settore “Innovazione tecnologica” Grazia Marchetta, hanno illustrato il nuovo percorso.

 

Come effettuare l’invio di pratiche on line:

Primo passo: collegarsi al sito www.suap.piacenza.it. Per la consultazione l’accesso è libero, per completare l’invio delle pratiche è invece necessario registrarsi. Un sistema – chiamato Federa – consente di accedere a tutti i servizi con un’unica password, valida per tutti i comuni dell’Emilia Romagna.

Dalla home page, per inoltrare le istanze, basta cliccare su “accesso ai servizi” e poi su “procedimento unico”. A questo punto il sistema chiede di autorizzare i dati sulla privacy, di scegliere il comune a cui inoltrare la pratica, quindi il settore e il tipo di attività (se si tratta – nell’esempio di un’attività commerciale – di un subentro, o di una nuova apertura, o ancora della cessazione della stessa attività). Ricevute tutte le informazioni utili, il Suap emette il suo “responso”, strutturando un apposito modello personalizzato, adatto alla richiesta che l’utente intende effettuare, con relative istruzioni d’utilizzo e compilazione. Ad ogni campo compilato e salvato il logo di un semaforo verde indica che è stato fatto tutto “a regola d’arte”. Terminato il procedimento basterà dare l’ok all’inoltro telematico. Ad oggi sono circa un centinaio, nel complesso, i procedimenti disponibili – che spaziano dal commercio all’edilizia –. Il sistema viene costantemente aggiornato, altri procedimenti saranno presto disponibili. Negli ultimi sei mesi 3.178 cittadini e imprese hanno effettuato l’accesso al portale www.suap.piacenza.it. Piacenza, dal primo giugno 2011 – data fissata come inizio per l’utilizzo esclusivo del Suap per l’invio della documentazione – ha ricevuto 739 pratiche. E c’è chi ha già aperto attività inoltrando via web, come allegato, anche intere cartografie. 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank