La Morpho Piacenza torna in campo stasera a Scafati

Dopo quasi due settimane di stop, la Morpho Basket torna in campo per affrontare la quinta giornata di ritorno del campionato di LegaDue-Eurobet (Venerdì 10, ore 20.45, diretta Radio Sound 95). Questa volta il “teatro” della sfida darà il PalaMangano , ovvero la tana della Givova Scafati, formazione tutt’ora imbattuta fra le mura amiche (9 vittorie su 9 partite giocate). Basta dare questo dato per capire la difficoltà dell’impegno che affronteranno i ragazzi di coach Corbani, reduci da quattro sconfitte consecutive e chiamati a riprendere il dialogo con la vittoria il prima possibile. Partita sulla carta davvero ostica, ma c’è un dato che può dare fiducia a Piacenza, anzi due: il primo riguarda il risultato della gara di andata, quando i biancorossi batterono i campani per 80-75 grazie ad una prova da applausi, impreziosita dalle performaces d’oro di Anderson (24p.) e Voskuil (20p.). Il secondo dato invece interessa il roaster, che fa registrare il ritorno di Marco Passera, playmaker e Capitano rimasto fuori dai giochi nelle ultime uscite.

blank

Coach Fabio Corbani avrà a disposizione tutti i suoi giocatori, e tutti dovranno mettere sul parquet il loro potenziale per provare a vincere, sia perché Scafati ha le carte in regola per essere considerato un team di primissima fascia (arriva da tre trionfi consecutivi), sia perché fra le mura amiche non conosce sconfitta, e non ha nessuna intenzione di conoscerla proprio ora.

Il pericolo numero uno in casa Givova porta il nome di Paul Lester Marigney, imprevedibile guardia capace di stupire con giocate di ogni genere (22.p di media, 3.4 assists, 23 di valutaz.), al suo fianco c’è poi il play Levin e l’altro esterno Radulovic. Sotto le plance Scafati schiera in quintetto Ghiacci (63% da due di media) e l’USA Thomas, pivot superstar che viaggia con un’ impressionante media di 11 rimbalzi di media a partita.

Questo validissimo gruppo, insieme ad una panchina in grado di garantire sostanziose rotazioni (Casini, Gueye, Rosignoli, Sorrentino), ha permesso alla Società del Presidente Rossano di raggiungere la terza posizione in classifica (22 punti) a sole due lunghezze dalle capolista Reggio Emilia e Pistoia. La Morpho invece si trova in zona playoff a quota 16 punti (ottavo posto) e, vedendo la graduatoria, è facile intuire quanto ogni successo strappato in casa e in trasferta possa diventare fondamentale in vista dello sprint finale.

La sfida di Venerdi avrà un gusto tutto particolare per Luca Infante, visto che il centro biancorosso è nato a pochi kilometri da Scafati (precisamente a Nocera Inferiore) e ritroverà quindi molti suoi amici d’infanzia. “Si, sarà davvero una partita speciale, praticamente gioco contro Scafati da quando sono bambino e devo dire che il bilancio di vittorie è anche abbastanza positivo. Il ricordo più bello che mi lega al Palazzetto della Givova risale a due anni fa, quando con Brindisi ottenni la promozione in Serie A. In realtà non ci fu neanche bisogno di sconfiggere Scafati perché la sera prima Veroli aveva battuto Sassari e quindi noi fummo automaticamente promossi. Non ho mai giocato nella Società del Presidente Longobardi, nonostante la vicinanza alla mia Città natale, però io e lui abbiamo un rapporto di amicizia che ci lega, ci stimiamo a vicenda.”. E addentrandosi nel match che aspetta la Morpho, non nasconde le insidie legate soprattutto al talento del duo USA. “Thomas e Marigney sono due fuoriclasse che formano una coppia da Serie A non da LegaDue. All’andata Thomas era stato ben limitato, però sappiamo che può cambiare le partite in ogni momento. Andare a vincere a casa della Givova, cioè a casa di un team che fino ad ora è imbattuto fra le mura amiche, sarà impresa ardua ma noi ci proveremo. In questo periodo sono arrivate alcune sconfitte, ma non ci siamo demoralizzati, stiamo lavorando bene in palestra ed ognuno dà il massimo”. L’ultima battuta del pivot biancorosso inquadra i suoi mesi vissuti a Piacenza, sempre con in mente l’obiettivo di crescere giorno dopo giorno. “L’anno scorso a Brindisi giocavo poco, rimettermi in pista non era semplice ma sono venuto qui per riuscirci e fare bene. Ho un contratto di due anni, a dimostrazione che il mio progetto è a lungo termine e per questo ringrazio il Presidente Rispoli per la fiducia che mi ha riservato. Penso che la gara migliore dove mi sono cimentato sia stata quella contro Brescia, però una nota particolare la dedico al match contro Reggio Emilia: per me era un incontro speciale, ero davvero emozionato!”.

Arrivato da poco più di un mese alla Morpho Basket, Alex Simoncelli ha avuto un inserimento lampo nella squadra, inserimento che allenamento dopo allenamento migliora sempre più.”Con i compagni mi trovo benissimo, sono dispiaciuto perché non siamo riusciti a vincere nelle ultime partite però il dato positivo è che ce la siamo sempre giocata con tutti, soprattutto con i top teams. Ultimamente facciamo fatica a vincere in casa, se partiamo male poi dobbiamo inseguire e non sempre riusciamo ad agganciare gli avversari. La scorsa settimana ci eravamo preparati davvero bene per la gara contro Ostuni, volevamo giocare e vincere, purtroppo le cose sono andate diversamente ed ora tutte le attenzioni sono per Scafati”. Quando si parla di Givova, non si può non citare l’americano Marigney, una vecchia conoscenza del play biancorosso. “Ho giocato insieme a Paul la scorsa stagione, è un giocatore eccezionale, sa fare di tutto, dal tiro alle penetrazioni ai passaggi, lui è capace di realizzare tanto e far segnare tanto anche ai compagni di squadra. Se Scafati riuscirà a trovare continuità pure fuori casa, potrà raggiungere l’apice della classifica”. Formazione imbattuta in casa, Alex tuttavia indica la strada da seguire per provare ad espugnare il Palazzetto. “Se giochiamo puliti in attacco siamo un team devastante, se invece gli avversari difendono con molta aggressività abbiamo qualche difficoltà in più a rendere al massimo. Adesso abbiamo recuperato Capitan Passera, un’ottima notizia perché cosi avremo più rotazioni; ci divideremo lo spazio in campo, quel che è importante è tornare a vincere, siamo in una posizione di classifica intermedia, ogni match ha ormai la sua importanza!”.

La partita sarà seguita da Radio Sound (Radio Ufficiale Morpho Basket) sulle stazioni 95 e 94.6 oppure in streaming sul sito www.radiosound95.it.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank