Finti trasporti eccezionali per mascherare furti di mezzi pesanti

E’ stata scoperta dai carabinieri di San Giorgio un’organizzazione criminale specializzata nel furto e nella ricettazione di mezzi pesanti da cantiere. L’indagine, coordinata dal procuratore della Repubblica di Piacenza Antonio Colonna, è nata dopo il ritrovamento di un’autogru nella zona del Comasco dalle forze dell’ordine locali; il mezzo, del valore di 300mila euro, già ad un primo controllo al terminale risultava rubato nei capannoni della ditta podenzanese Casella (a cui è stato poi riconsegnato) e gli accertamenti sono stati “passati” ai carabinieri della nostra provincia che ora ne stanno seguendo gli sviluppi.

Secondo i primi riscontri delle indagini sembra che ad operare sia una banda molto organizzata, che si divide i compiti: dal furto, alla produzione di documenti falsi, fino alla rivendita sul mercato del nord Europa. Simulando il trasporto eccezionale, con tanto di macchina segnalatrice con sirene e bandierine, i malviventi riuscivano a uscire dai cantieri e a immettersi indisturbati nel traffico.