Spending Review, la protesta all’Agenzia del Territorio e delle Entrate

La protesta del comparto del pubblico impiego contro la spending review prende forma in due sit in davanti agli uffici dell’Agenzia del Territorio e all’Agenzia delle Entrate. In particolare le nuove riforme prevedono la soppressione della stessa Agenzia del Territorio e il suo accorpamento all’Agenzia delle Entrate e tagli del 10 per cento agli organici. Per le provincie al di sotto dei 300mila abitanti addirittura si parla di chiusura totale. “Parlano di lotta all’evasione fiscale e poi tagliano là dove si lavora per monitorare l’illegalità!” chiosa Alfredo di Salvatore dipendente dell’Agenzia del Territorio e portavoce dei manifestanti.

blank

“Come Agenzia del Territorio abbiamo individuato circa 1milione e 200 mila capannoni che non erano iscritti al catasto, con fenomeni di elusione ed evasione fiscale” continua Di Salvatori. “Un lavoro importante e accurato, portato avanti con sacrifici notevoli se si considerano i problemi di organico con i quali dobbiamo convivere. Il Governo deve andare a tagliare in quegli ambiti dove le politiche clientelari che risalgono agli anni ’50 hanno creato effettivamente esuberi”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank