Challenge cup, Copra Elior travolge Selver Tallin: 3-0 in Estonia

blank

Vittoria agevole e indolore per i ragazzi di Luca Monti che in terra estone conquistano, nella sfida di andata dei sedicesimi di finale di Challege Cup, un nuovo e netto 3-0.
Piacenza, con questo nuovo traguardo, tocca le 3 vittorie consecutive all’interno della terza competizione europea.
Dopo poco più di un’ora di gioco Piacenza, con il 51% in attacco (contro il 34% estone), si aggiudica la sfida di andata valida per la qualificazione agli ottavi di finale. E’ il muro biancorosso che però fa la differenza: con 12 muri vincenti (contro i 5 della Selver Tallinn) la Copra Elior blocca i tentativi di invasione degli estoni. Fei, best scorer con 14 punti e 3 muri, Simon (6 punti di cui 4 muri), Papi (9 punti), Zlatanov (7) e Holt (6), grazie alla preziosa e sapiente regia di De Cecco rendono indolore gli estoni del Tallinn per i primi due set. Meresaar (12 punti), Aganits (8) e Juhkami (7), cercano di tenere le redini ai biancorossi, ma senza riuscirci.
Solo il terzo set si dimostra più complicato del previsto, questo anche a causa dei numerosi errori in battuta e attacco di entrabi i sestetti.
Tallinn riesce a infastidire la Copra Elior soltanto in battuta: ben 7 gli ace degli estoni (2 Keel, 4 Juhkami, 1 Aganits) contro i 3 biancorossi (1 Papi, 1 Holt, 1 De Cecco). Per il resto della partita non c’è storia: il gioco di Tallinn è ben prevedibile per Zlatanov e compagni che, con un totale di 44 punti messi a terra, mettono in cassaforte una buona base per la partita di ritorno, che si giocherà giovedì prossimo (ore 20:30) tra le mura amiche del PalaBanca.
Piacenza parte con le idee ben chiare nel primo set: i biancorossi iniziano subito con gran forza e determinazione. La Copra Elior stacca gli avversari direttamente dall’avvio (1-4) per mantenere poi il vantaggio sul 9-11. Tallinn non demorde e si fa insidiosa con Juhkami in battuta che mette a terra due ace consecutivi conquistando la parità (13-13). Monti chiede time out e, al rientro in campo, Piacenza riprende la sua corsa: dal 15-17 Piacenza vola indisturbata lasciando a secco gli estoni che non possono far altro che subire gli attacchi e i muri vincenti (5 a fine set) dei biancorossi. Dopo 6 punti consecutivi (15-22) e un ottimo muro piacentino, la Selver Tallinn soccombe nuovamente sotto a Fei sul 17-24; la chiusura spetta a Tallinn che, in battuta, manda out.
Alle prime battute del secondo set Tallinn tenta di rimanere francabollata a Piacenza (4-4 e 7-7) ma Fei, Simon e Papi cambiano marcia e allungano sugli avversari. Il muro di Simon vale l’8-13, Tallinn mette di nuovo in campo un’ottima battuta che va a segno per il 10-13, ma Piacenza, con una regia maestrale di De Cecco blocca nuovamente gli avversari e dal 12-18 (ace di De Cecco) corre sul 15-21 (ace di Papi). La firma della chiusura di parziale spetta a Simon che a muro mette a terra il 18-25.
Avvio di terzo e ultimo set più difficile e insidioso per Piacenza che dal vantaggio iniziale (0-2) si gioca la prima metà del parziale sul punto a punto. Tallinn e Piacenza si rincorrono sul 4-4, sul 7-7 e sull’8-8; la Copra Elior cambia rotta con Fei in attacco sull’8-10 e sul 9-13; Tallin si ritrova a un soffio dai biancorossi sul 12-13 e Monti, per precauzione, chiede time out. Al rientro in campo Tallinn commette troppi errori sia in battuta che in attacco favorendo quindi l’avanzata piacentina. Anche Piacenza però non è da meno e Tallinn si ritrova vicinissima alla Copra Elior sul 17-19. Con una battuta sbagliata (17-20) e gli attacchi vincenti di Zlatanov (17-21, 17-22) Piacenza si mette in marcia verso la conclusione del match. Gli estoni però non demordono e con due ace (19-22 e 21-24) tentano la rimonta; Tallinn però si affonda con le sue stesse mani in battuta: con un out gli estoni determinano la fine dell’incontro sul 22-25. 
 
Luca Monti (allentatore Copra Elior Piacenza): “E’ stata una partita facile. Se devo fare un paragone con i giocatori dell’Istanbul il sestetto della Selver Tallin è stato molto più insidioso in battuta. Per il resto la squadra ha un gioco molto scolastico e prevedibile. Abbiamo raggiunto l’obiettivo che ci eravamo posti, chiudendo in poco tempo il match e allenandoci in previsione della partita con Latina, visto che il tempo utile a nostra disposizione da qui a domenica sarà relativamente poco, contando che sia domani che sabato mattina saremo in viaggio per tornare in Italia e per spostarci a Latina”.

blank
Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank