Matteo Magni torna a teatro con “Impegnati a sorridere”

Venerdì 01 e Sabato 02 febbraio 2013 alle ore 21.00 è in programma il debutto nazionale al Teatro Verdi di Fiorenzuola d’Arda di Matteo Magni con “Impegnati a sorridere”.

blank

Matteo Magni torna in teatro, dopo oltre vent’anni di carriera, con uno spettacolo completamente nuovo. Interpretando ed adattando molti grandi successi ed inserendo numerosi contributi originali, per costruire e narrare una storia di grande impatto emozionale. Uno spettacolo in bilico tra impegno ed ironia. Una storia d’amore tra il teatro e la più bella musica d’autore italiana, come ha spiegato lo stesso Magni, intervistato da Radio Sound.

“Ritorno a quello che fu un mio amore: quello dei grandi cantautori che ricevono poco spazio negli “ambienti pop”, mentre trovo che la loro sede naturale sia il teatro. Sono Giorgio Gaber, Paolo Conte, Fabrizio de André, Ivano Fossati e Samuele Bersani: tra le loro canzoni ho inserito alcune mie composizioni, sia a livello musicale che di testi. Le canzoni descrivono un viaggio di introspezione attraverso l’uomo: nel primo tempo ho costruito un dialogo con me stesso, grazie a una voce registrata. Un secondo “me” cinico, con i piedi per terra, mentre io, sul palco, appaio come un sognatore: un uomo che prova speranza, che sogna la rivoluzione, il cambiamento.”

Dopo queste esibizioni a Fiorenzuola sono previste altre date in calendario?

“Ho organizzato queste due date per mio puro piacere: lo spettacolo non ha ambizioni commerciali, anche se in realtà ho già avuto delle richieste. Spero che solleciti un interesse, anche in questo senso: al punto in cui sono arrivato – come età e maturazione artistica – vorrei davvero poter portare avanti questo progetto nei teatri, a discapito magari dei tanti concerti che capita di organizzare, come è successo l’anno scorso.”

LO SPETTACOLO

“Impegnati a sorridere”. Il sottotitolo si presta ad una duplice lettura: a seconda di dove decidete di spostarel’accento. In un caso ci suggerisce che occorre sorridere sui drammi della vita anche se a volte bisognadavvero metterci molto impegno. Nel secondo caso ci racconta la storia di autori e protagonisti “impegnàti” nella continua ricerca filosofica delsenso della vita stessa, in tutti i suoi risvolti: emotivi, culturali, politici e sociali. Lo spettacolo attinge dagli scritti dei nostri migliori cantautori nazionali, dagli anni ’70 ad oggi, trasformandone ed adattandone i testi per narrare una storia di grande intensità emotiva. Protagonista assoluto della narrazione è sempre e comunque l’uomo. Un uomo diviso tra le sue miserie ed i suoi ideali, la sua quotidianità ed il suo desiderio di rivoluzione.Un uomo che vive i drammi quotidiani della sua esistenza e che, nonostante tutto, trova sempre il modo diironizzare su di essi, ponendosi delle domande alle quali il protagonista non vuole a tutti i costi dare unarisposta. Ed è proprio qui che entra in gioco lo spettatore, che è continuamente invitato a riflettere per trovare la suapersonale chiave di lettura. In “Matteo Magni Teatro Canzone” questa narrazione avviene in gran parte tramite le canzoni che, arrangiate ed eseguite con sapienza e delicatezza, s’ inframezzano a brevi monologhi. Per questo spettacolo Matteo Magni ha scritto alcuni testi personalmente ed attinto liberamente dalle opere di grandi autori Italiani come: Giorgio Gaber, Fabrizio De Andrè, Ivano Fossati, Samuele Bersani, Francesco Guccini, Francesco De Gregori, Paolo Conte ed altri.

SCENOGRAFIA


La scenografia, essenziale, è composta da un grande fondale video che, grazie all’attenta selezione del
giovane regista Baldini, proietta degli sfondi animati durante parti dello spettacolo, trasformando il teatro
ora in un mare in tempesta, ora in un campo di grano e così via. Appena davanti i musicisti, che accompagnano dal vivo la performance. Poco più avanti pochi oggetti…

CD LIVE

Una curiosità. Già alla prima dello spettacolo sarà possibile acquistare sul posto il cofanetto Cd completo
della serata con tutte le canzoni ed i dialoghi.. Successivamente il contenuto sarà reso disponibile per il
download digitale su iTunes e tutti i principali distributori di musica sul web.

PREVENDITE

Per l’acquisto dei biglietti e per informazioni rivolgersi all’Ufficio del Teatro Verdi INFORM-ARTI: Tel. 0523
985253 – Teatro G. Verdi, Via Liberazione 29017 Fiorenzuola d’Arda (PC)
Aperto dal martedì al sabato ore 10.00 – 12.30 e nei giorni dello spettacolo anche dalle 19.30
I posti disponibili sono limitati, si consiglia di prenotare con anticipo.
Oppure: PRENOTAZIONE TELEFONICA DIRETTA: Tel. 339 3461479

PARTNER
Spettacolo organizzato in collaborazione con il Comune di Fiorenzuola d’Arda, Assessorato alla Cultura.

NOTE BIOGRAFICHE SUL PROTAGONISTA
Matteo Magni, nasce a Fiorenzuola nel 1969, e cresce artisticamente nella provincia Piacentina attraverso
una miriade di esperienze artistiche.
Studia pianoforte, canto e recitazione, ma si afferma sin dall’inizio degli anni ’90 come grande intrattenitore.
Dal pianobar alle feste di piazza fino alle sale da concerto più blasonate della penisola, l’escalation è
continua. Ad oggi, cantante e produttore di successo, ha inciso numerosi dischi, collaborato con trasmissioni
televisive ed ha all’attivo un impressionante calendario di spettacoli su tutto il territorio nazionale. 

CAST
Voce: Matteo Magni, Tastiere e programming: Fabio Comovi, Chitarra acustica ed elettrica: Aldo Zardoni,
Basso: Victor Fiorilli Muller, Batteria e percussioni: Giovanni Savinelli


NOTE BIOGRAFICHE SUI MUSICISTI


Fabio Comovi, nasce a Piacenza nel 1976. Incoraggiato dal padre fisarmonicista e dal fratello violinista,
inizia a studiare al Conservatorio di Musica Classica “Giuseppe Nicolini” di Piacenza nel quale consegue i
diplomi di Teoria e Solfeggio, Storia della musica, Armonia Sperimentale e Diploma finale di Pianoforte.
Numerose le collaborazioni con altri strumentisti in ambito concertistico.
Negli anni successivi sente il bisogno di avvicinarsi allo studio di altri generi musicali come Jazz, Pop, Rock
e altro.Da li, l’esigenza di specializzarsi sempre di più nell’uso dell’ elettronica e della programmazione che lo
porteranno a lavorare con vari artisti. Collabora con Magni, da quasi dodici anni, curando la direzione
musicale di differenti progetti.
Aldo Zardoni, nato a Brescia, classe 1979, si avvicina alla musica studiando chitarra classica. Dopo il
passaggio allo strumento elettrico prosegue lo studio con eccellenti musicisti ed insegnanti a Brescia e
Bergamo.
Nel tempo collabora con importanti artisti tra i quali: Loredana Bertè, Spagna, Malika Ayane, Orioli Band,
Omar Pedrini, Francesco Renga, Marina Fiordaliso,Aida Cooper,Bobby Kimball, Simone Tomassini, Arisa,
Virginio Simonelli, Frankie Hi Nrg, Matteo Beccucci, Garbo.Ha partecipato come strumentista ad alcune
trasmissioni televisive Rai e Mediaset ed ha collaborato alla produzione di brani per alcuni artisti provenienti
dai talent show . Suona con Matteo Magni, in differenti spettacoli, dal 2002.
Giovanni Savinelli, Piacentino di nascita, inizia a suonare la chitarra alla giovane età di 10 anni per poi
passare alla batteria sotto la guida di Alfredo Golino, che lo seguirà per diverso tempo. Nel 2007 i primi tour
all’estero con brani originali della sua band “Houston”. In seguito suonerà in numerosi live con artisti Italiani e
varie cover band. Dal 2011 entra a far parte dei Cani Sciolti e di altri progetti facenti capo a Piacenza
Musica. Victor Fiorilli. Figlio d’arte (il padre batterista negli anni ’60 in Columbia nel noto gruppo “Columna de
fuego”). Diplomato al conservatorio di Livorno, approda presto a collaborazioni importanti: Tour
musicale/teatrale con Gene Gnocchi dal ’94 al ’96, partecipazione al Festivalbar del ’95 con Giorgia.
Inoltre ha collaborato con Maurizio Solieri suonando in trasmissioni come Help e Roxy Bar.
Recentemente ha suonato nell’ultimo disco di Nicola di Bari, come chitarrista e bassista, così come
nell’ultimo lavoro di Gail Anderson. Ma nel suo passato c’è anche tanto mestiere con le orchestre da ballo e con un’inifinità di piccoli gruppi del circuito Toscano da cui proviene e successivamente piacentino (Acoustica). Coautore di alcuni brani originali, collabora con Matteo Magni dal 1998.


PRODUZIONE


Vocal Coach: Paola Quagliata, Regia video: Andrea Baldini, Regia audio: Ramon Pasini, Regia luci: Claudio
Alebardi, Direzione artistica: Matteo Magni, 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank