Scuole dell’infanzia: oltre 230.000 euro per interventi di qualificazione

La Giunta provinciale ha approvato il programma provinciale annuale per gli interventi di qualificazione e miglioramento delle scuole dell’infanzia del sistema nazionale di istruzione relativamente all’anno finanziario 2012. Tre le aree di intervento finanziabili alla luce delle priorità indicate dagli indirizzi regionali e provinciali: sostegno a figure di coordinamento pedagogico; progetti di qualificazione delle scuole dell’infanzia e, infine, progetti di miglioramento complessivo delle scuole d’infanzia paritarie private. Le risorse assegnate dalla Regione Emilia-Romagna ammontano complessivamente a 237.867,29 euro.

“Il programma – ha illustrato l’assessore provinciale al sistema scolastico Andrea Paparo – consente di liberare risorse importanti per un segmento, quello delle scuole per l’infanzia, che soprattutto in questo momento necessita di un sostegno per il proseguimento dell’attività di qualità. Le risorse, distribuite secondo precise indicazioni della Regione, verranno utilizzate per l’attuazione di interventi rivolti alla formazione integrale della personalità dei bimbi a beneficio di un sistema scolastico locale di qualità “.

Per quanto riguarda il sostegno a figure di coordinamento pedagogico il budget a disposizione è di 20.995,84 euro: l’obiettivo è favorire la continuità educativa della fascia di età 0-6 anni, attraverso azioni di sostegno alle figure di coordinamento pedagogico. I destinatari sono aggregazioni di scuole per l’infanzia paritarie e l’anno scolastico di riferimento è il 2011/2012.

Sulla qualificazione delle scuole dell’infanzia le risorse a disposizione ammontano a 56.790,62 euro e saranno destinate al rafforzamento della programmazione degli interventi al fine di creare i presupposti per una continuità educativa relativamente all’integrazione di bambini con deficit, alla prevenzione del disagio sociale in ambito educativo, all’educazione interculturale e, più in generale, all’educazione delle differenze e a nuovi stili educativi familiari. La Provincia, inoltre, al fine di promuovere una corresponsabilità da parte dei soggetti proponenti, stabilisce una compartecipazione alla spesa complessiva da parte dei medesimi almeno pari al 20% della spesa totale per l’attuazione dei singoli progetti. I destinatari sono le aggregazioni di almeno 3 scuole per l’infanzia del sistema nazionale di istruzione. I progetti dovranno essere realizzati entro giugno 2014 e potranno fare riferimento agli anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014.

Infine, per quanto riguarda il miglioramento complessivo delle scuole dell’infanzia paritarie private le risorse a disposizione sono pari a 160.080,83 euro e saranno indirizzate al miglioramento del contesto e della proposta educativa nel suo complesso, attraverso l’adozione di maggiore flessibilità degli orari, la diffusione della compresenza del personale nei turni previsti, l’accurata organizzazione degli spazi accoglienza bambini-genitori, il perfezionamento degli stili relazionali e comunicativi con le famiglie, la valorizzazione del coinvolgimento dei genitori nel progetto educativo, la realizzazione del raccordo con i nidi, i servizi integrativi del territorio, la scuola dell’obbligo. I destinatari sono le aggregazioni di almeno 3 scuole per l’infanzia private paritarie.

La Provincia, al fine di promuovere una corresponsabilità da parte dei soggetti proponenti, stabilisce una compartecipazione alla spesa complessiva da parte dei medesimi almeno pari al 20% della spesa totale per l’attuazione dei singoli progetti, che dovranno essere realizzati entro giugno 2014 e potranno fare riferimento agli anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014. 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank