Evasione, la denuncia di Narducci (Ugl): “Carcere al collasso da tempo”

Tentativo di evasione ieri pomeriggio intorno alle 19,30 per un detenuto tunisino che si trovava in ospedale per accertamenti. L’uomo, approfittando della situazione, è balzato fuori da una finestra raggiungendo il parcheggio dell'ospedale. Gli agenti della penitenziaria, però, accortisi repentinamente del tentativo di fuga, hanno dato l’allarme e il detenuto è stato fermato pochi minuti dopo. L’uomo è stato quindi ricondotto in carcere alle Novate.

blank

Gennaro Narducci, segretario regionale dell’Ugl, intervenuto a seguito dell’episodio, ha commentato: “La polizia penitenziaria ha risposto molto bene all’evento critico avvenuto. Da parte nostra va la solidarietà a tutti gli agenti che hanno operato e continuano a operare con grande difficoltà. Il personale intervenuto ieri è stato richiamato in servizio dopo l’espletamento di 8 ore lavorative. Le condizioni in cui continuiamo a operare restano critiche e dispiace segnalare che, malgrado l’arrivo di nuovi agenti, aumentano i tentativi di autolesionismo e suicidio, un fatto ormai costante, quotidiano e molto preoccupante per il carcere delle Novate.  Sicuramente l’organico è molto ristretto, ma anche la mentalità del detenuto che vede la carcerazione e la divisa come una sfida allo Stato. Hanno richieste continue, lamentano l’ingiustizia della carcerazione. Noi facciamo valere i diritti umani dei detenuti, ma la gran parte di loro, soprattutto quelli di nazionalità tunisina e marocchina,  hanno un senso di menefreghismo nei confronti delle istituzioni e continuano a commettere atti autolesionistici con la speranza di essere trasferiti  o per ottenere quel che chiedono. Noi speriamo di poter reggere la situazione, ma il morto può sempre scapparci”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank