La crisi fa ancora paura: in un anno Piacenza ha perso 598 aziende

Il primo semestre del 2013 si è infatti chiuso con una somma di imprese registrate pari a 30.939 unità, 598 in meno di quelle che si contavano a giugno del 2012.

La variazione percentuale annuale si è così attestata a -1,9%.

Scorrendo l’articolazione settoriale nella quale si diversifica il quadro imprenditoriale piacentino  non si può non notare che i settori che hanno accusato i cali più marcati nella consistenza sono agricoltura e costruzioni (-203 imprese per ciascuno), seguiti dal commercio (-144 ditte).

All’opposto gli ambiti di attrattività, quelli che probabilmente sembrano dare maggiori garanzie di successo imprenditoriale, sono stati i servizi di alloggio e ristorazione (+58), le attività immobiliari (+20), le attività artistiche, sportive e di intrattenimento (+18), le forniture di energia, gas e vapore (+11).

Nel corso dei primi sei mesi dell’anno le iscrizioni sono state 963 ma le cessazioni hanno superato abbondantemente il migliaio (1.281).

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank