Omicidio Casella, dopo il figlio reo-confesso indagata la figlia maggiore

Occultamento di cadavere è l’accusa di cui si trova a dover rispondere la sorella maggiore di Adriano Casella, 36 anni, l’operaio di Sariano in carcere dopo aver confessato l’omicidio di suo padre Francesco Casella, 78 anni, agricoltore in pensione.

blank

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, basata sulle testimonianze raccolte dai carabinieri e il racconto che il presunto assassino ha fatto direttamente al pm Ornella Chicca, l’anziano è stato ucciso il 7 luglio con un colpo alla testa sparato da una pistola usata per gli animali da macello; ucciso dopo essere stato narcotizzato in modo da renderlo innocuo.

Il corpo sarebbe poi stato nascosto nella casa di Sariano per un paio di giorni e poi fatto sparire nei boschi tra Gropparello e Morfasso, a una ventina di chilometri dal luogo del delitto. Il 9 luglio è poi stata denunciata la scomparsa di Francesco Casella il cui cadavere è stato trovato per caso da un passante – insospettito dal forte odore provocato dalla putrefazione – solo dieci giorni più tardi.

Nel frattempo però gli investigatori avevano già iniziato a stringere il cerchio delle indagini attorno al figlio dello scomparso: la strana richiesta di un finanziamento in banca, non concesso perché motivato in modo anomalo, e la successiva vendita dei macchinari agricoli di Francesco Casella avevano portato carabinieri e Procura a capire che tutti questi soldi spesi rivelavano una necessità da chiarire e che poteva rappresentare il movente per un potenziale delitto. E’ poi emerso che l’operaio 36enne si era invaghito di una prostituta straniera che voleva togliere dal marciapiede e riscattare dai suoi aguzzini, ai quali dunque continuava a pagare notevoli somme di denaro

L’ipotesi della scomparsa volontaria o dell’incidente era già stata accantonata prima che venisse ritrovato il cadavere, gettato in una piccola scarpata coperta di vegetazione a lato della strada che porta a San Michele di Morfasso.

A trasportare lì il corpo di Francesco Casella sarebbero dunque stati i suoi due figli. I ruoli, allo stato attuale, sarebbero comunque ben distinti: Adriano Casella – che ha nominato come difensori di fiducia gli avvocati del Foro di Piacenza Stefano Piva e Mauro Pontini – sarebbe l’assassino di suo padre e ora è sotto accusa per omicidio aggravato dalla premeditazione e dal vincolo parentale; la sorella 40enne – difesa dall’avvocato Andrea Bazzani – invece è accusata “solo” di occultamento di cadavere: avrebbe aiutato il fratello a liberarsi del corpo del padre, forse senza nemmeno sapere che si trattava del padre.

Intanto per domani è stato fissato un nuovo accertamento tecnico: il pm Ornella Chicca ha incaricato lo specialista Angelo Groppi dell’Istituto di Medicina legale di Pavia di effettuare un esame autoptico al fine specifico di trovare eventuali tracce di farmaci o altre sostanze nel corpo della vittima e verificare quindi la circostanza che fosse stato addormentato prima del delitto. Circostanza importante ai fini di attribuire o meno la premeditazione.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank