Il racket della prostituzione sullo sfondo dell’omicidio del Baraonda

blank

La gestione di una fetta del racket della prostituzione in città sarebbe il contesto nel quale è maturato il delitto di domenica sera alla Lupa che, per brutalità e dinamica, ha sconvolto Piacenza.

blank

Lo ricordiamo, Sadik Hajderi, 39 anni, albanese incensurato, è stato giustiziato con due colpi di pistola al petto e alla schiena mentre beveva un caffè seduto ai tavoli esterni del Baraonda.

Dell’omicidio, con l’aggravante della premeditazione, devono rispondere due connazionali della vittima, due fratelli di 28 e 30 anni, intercettati dalla polizia piacentina 24 ore dopo il fatto mentre stavano per imbarcarsi su un volo diretto a Tirana.

Ora sono in carcere a Piacenza e questa mattina compaiono di fronte al giudice per le indagini preliminari Gianandrea Bussi per la convalida del fermo di polizia giudiziaria e per l’interrogatorio di garanzia. Sinora hanno taciuto, e l’hanno fatto per una precisa scelta difensiva in questa fase, come ha confermato anche l'avvocato Fabio Leggi, difensore del più giovane dei due fermati (l'altro è assistito dall'avvocato Cinzia Ziliani): "Dobbiamo studiare la situazione prima di fare dichiarazioni" dichiara. Resta da vedere se oggi decideranno di rompere il silenzio iniziando a fornire qualche dettaglio su questa vicenda, sempre che non si dichiarino completamente estranei ai fatti. 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank