Smerilli e Husaj: “Impossibile non accettare l’offerta del Copra Elior”

Il libero Lorenzo Smerilli e lo schiacciatore Gazmed Husaj. Sono due dei cinque volti nuovi che arricchiscono la sensazionale rosa del Copra Elior per la stagione 2013-2014 e che sono stati presentati questa mattina al colorificio Saiani dei Casoni di Gariga, sponsor ormai decennale della principale squadra di pallavolo della città. A fare gli onori di casa il patron Giuseppe Cavalli: "Ospito una squadra di prestigio, contento di questo binomio, siamo uno sponsor storico. Nel nostro piccolo siamo una spina dorsale dell'attività commerciale. L'azienda ha appena festeggiato i 40 anni di età. Un bel traguardo, il nostro entusiasmo credo che ci aiuterà a superare i momenti duri". Cavalli ha poi presentato un prodotto di pittura innovativo – volley free – formulazioni nuove che tendono all'ecocompatibile. Era presente anche il dirigente della squadra Gabriele Cottarelli: "Abbiamo cercato di migliorare la squadra e credo che ci siamo riusciti". LORENZO SMERILLI Lo scorso anno in A2 a Corigliano, ancor prima a Verona, il maceratese Smerilli sarà il secondo libero, ha qualità spiccate in difesa, aiuterà la squadra con la possibilità di interscambiare i due liberi in ricezione e difesa. "L'accordo con il Copra Elior non si poteva rifiutare, abbiamo trovato l'intesa subito. Penso che siamo una delle squadre favorite. Arrivo in una squadra di alto livello con uno staff altamente preparato. Ci sono tutti i presupposti per arrivare fino in fondo. Dovrò contribuire a tenere alto il livello d'allenamento. Il libero titolare è Marra. Il mio punto di forza è la difesa. Il campionato è lungo, il mio obiettivo sarà farmi trovare pronto. Sarà lo staff tecnico a decidere quando potrò essere impiegato". GAZMEND HUSAJ Gazmend Husaj, albanese di 26 anni, nazionale, il miglior giocatore albanese, l'anno scorso giocava in Quatar. "Penso che ci darà molto sia in campionato sia in Champions – lo ha presentato Cottarelli – Vuole emergere, sta dimostrando di essere giocatore di alto livello". "È la mia prima esperienza in Italia – dice – È la miglior decisione che potevo prendere. Ho avuto esperienze in giro per il mondo. Questa è la mia prima grande occasione. Avevo varie offerte da Francia e Turchia, ma ho scelto di venire a Piacenza per la forza della squadra. Siamo all'inizio della preparazione, ma la squadra sembra davvero molto forte. Felice di giocare con mostri sacri, lavorerò al meglio per ottenere i nostri traguardi".

blank
Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank