Franco Corraro pensa all’Atomat Udine: “Non vediamo l’ora di cominciare”

La Bakery Volley Piacenza si prepara a debuttare in campionato di fronte al pubblico amico. Il tecnico Franco Corraro fa il punto sui risultati ottenuti dopo un lungo periodo di preparazione e sviscera le possibili insidie della gara contro l’Atomat Udine Volley, che si giocherà questo pomeriggio, ore 18:00, al Pala Franzanti.
 

Sabato comincia il campionato. A che punto è la tua Bakery?
Siamo a buon punto, sia fisicamente che a livello tecnico-tattico: la squadra ha lavorato bene e ha fatto un ottimo primo turno di Coppa Italia. C'è stato un piccolo passaggio a vuoto nell'ultima trasferta a Casale, ma non ne farei un dramma, anche perché il primo obbiettivo è stato raggiunto. Ora possiamo concentrarci sul campionato. Non vediamo l'ora di cominciare: tutto l'ambiente è molto “carico” per la prima gara.

 

Sei soddisfatto della pallavolo espressa dalla tua squadra nelle prime gare ufficiali di coppa?
Direi proprio di si. Ovviamente la sconfitta della scorsa settimana contro Casale mi ha fatto riflettere.: abbiamo trovato qualche piccolo dettaglio da correggere, ma si tratta comunque solo di un incidente di percorso. Casale è di fatto la prima squadra che ci mette in difficoltà in questo modo. Anche la palestra non era facilissima da interpretare: piccola e bassa; le luci non hanno certo dato una mano alla nostra ricezione. Comunque ritengo che la squadra abbia già ampiamente superato questo passaggio a vuoto, lo ha dimostrato in palestra negli allenamenti e nel test con la formazione svizzera del Sagres Nuc.

 

Torniamo al campionato. Un vantaggio cominciare al Pala Franzanti?
Solo in parte. Ad essere sincero preferirei iniziare in trasferta, perché le giocatrici soffrono sempre un po' l'agitazione del debutto. Non posso negare di avere in squadra elementi di grande esperienza, abituate a gestire questo tipo di pressione, ma la tensione iniziale dell'avvio in casa temo si senta a qualsiasi livello. Il fatto di partire nel nostro palazzetto ovviamente ci porta a giocare davanti al tuo pubblico, e questo è molto bello, ma significa anche che avremo più pressione.

 

L'Atomat Udine sarà il vostro primo avversario, quali i suoi punti di forza?
Abbiamo visionato diverse partite che hanno giocato in Coppa Italia, chiaramente anche loro hanno fatto un po' di turn-over, però da quello che abbiamo constatato è una squadra ordinata e che gioca bene con i centrali e riesce a pungere in attacco.
Dobbiamo imporre il nostro gioco. Io mi aspetto di vedere la Bakery della primissima parte di stagione: se le ragazze giocano come sanno potremo mettere Udine in difficoltà. Chiaramente non dobbiamo sottovalutare l'avversario. La sconfitta di Casale credo ci sia servita come lezione per capire che dobbiamo dare il massimo ad ogni partita: tutte le squadre che affronteremo verranno qui col coltello fra i denti.

 

Come avete preparato questa sfida?
Come tutte le altre partite, quindi con la massima attenzione. Abbiamo analizzato tecnicamente le nostre antagoniste, visionando diverse gare che hanno giocato in avvio di stagione. Cercheremo sempre di lavorare durante la settimana e conoscere il gioco delle avversarie. In campo però dovremo poi mettere le nostre qualità  e potenzialità: sono le altre a dover temere noi, non il contrario. Io credo che questa squadra abbia già mostrato le sue doti fisiche e tecniche: al di là della possibile tensione iniziale, credo che quando le ragazze inizieranno a giocare con tranquillità potranno esprimere una buona pallavolo.

A livello tecnico cosa chiedi alle tue ragazze in questa gara?
Io mi auguro di vedere sul campo la stessa crescita che noto ogni giorno negli allenamenti: una maggiore attenzione in fase di contrattacco e in fase difensiva. Solo con una buona difesa potremo recuperare tante situazioni difficili ed essere incisive anche in attacco: se cresce questo aspetto faremo un altro passo in avanti. Abbiamo già un buon cambio palla, perché la nostra ricezione è già migliorata tantissimo e, considerando la batteria d'attaccanti e centrali che abbiamo, con un contrattacco più costante e preciso potremmo mettere in difficoltà chiunque.

 

Si ricorda inoltre che il prezzo del biglietto della partita è fissato a 2 euro. La gara sarà invece totalmente gratuita per tutti gli spettatori al di sotto dei 16 anni di età.

 

 

 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank