Presidio Unieuro: «Licenziamenti inaccettabili, protesta anche a Forlì »

Sono in tanti questa mattina, nonostante la pioggia, i lavoratori di Unieuro che hanno deciso di presidiare il negozio sulla via Emilia Pavese. Una manifestazione per sensibilizzare la clientela e l'opinione pubblica su una situazione che non si sblocca, anzi, che sembra sempre più critica ma anche «per dare fastidio all'azienda – ha detto Giuliano Zuavi della Filcams Cgil – che ha tenuto nei confronti dei lavoratori un atteggiamento a dir poco inaccettabile». 

«La situazione è surreale – dicono all'unisono i lavoratori in protesta – Stiamo lavorando con la prospettiva di restare a casa da qui a pochi mesi: non c'è pace, non si riesce a dare il meglio. Qualcuno ci deve dare risposte». 

Risposte che tuttavia non arrivano, come ha confermato Vincenzo Guerriero della Uiltucs Uil che questa mattina era con i lavoratori di fronte allo store Unieuro: «Abbiamo fissato un altro incontro in Provincia l'11 novembre – ha detto – sia con i vertici della newco Sgm sia con i vertici Unieuro. Il problema è che Sgm ci ha fatto sapere che non ci potrà dare risposte almeno sino a Natale, il che significherebbe trovarci ad affrontare una situazione già decisa. E questo è inaccettabile». 

Michele Vaghini della Fisascat Cisl ha sottolineato invece la natura stessa dell'operazione che ha portato all'unificazione tra Unieuro e Marcopolo Expert con la nascita di una newco; un'operazione che sembra fatta apposta per non garantire i 200 lavoratori degli uffici amministrativi e della logistica di Piacenza che oggi rischiano il posto e per i quali è in effetti stato annunciato il licenziamento. «Vogliamo chiarimenti sulla newco che hanno creato – ha detto Vaghini – vogliamo capire se una fusione avrebbe garantito più posti di lavoro. I licenziamenti sono inaccettabili. Oggi siamo qui davanti a Unieuro ma non è escluso che nei prossimo giorni si possa organizzare qualche manifestazione di fronte ai negozi Sgm o addirittura di fronte alla sede di Forlì». 


Presidio dei lavoratori Unieuro mercoledì 30 ottobre, a partire dalle 9,30, davanti al punto vendita di via Emilia Pavese a Piacenza. La mobilitazione è stata indetta unitariamente dalle categorie sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil in concomitanza con uno sciopero di otto ore per sensibilizzare i clienti e l'opinione pubblica attorno alla grave situazione che si è venuta a creare in Unieuro. Davanti al negozio ci sono decine di lavoratori che protestano contro la situazione che si è venuta a creare di quasi 200 esuberi. "Non è possibile lavorare in questo clima" ha detto uno dei lavoratori. La situazione, va ricordato, scaturisce dalla fusione dell'azienda con Marco Polo Export. 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank