Alberto Bauli a Confindustria,”Piacenza può giocare un grande ruolo”

Il suo nome significa indissolubilmente Natale, come ha ricordato anche il presidente di Confindustria Piacenza, Emilio Bolzoni, nel presentarlo alla platea piacentina e lui, Alberto Bauli, non ha deluso le aspettative.

L’ imprenditore veronese, classe 1940, è a capo di un gruppo che fattura circa 500 milioni e che ha conosciuto una espansione rilevante dopo l’ acquisizione di marchi storici come Alemagna, Bistefani  e Motta (solo per citarne alcuni) che erano finite in mani straniere e che grazie alla tenacia di Bauli sono stati riportati in Italia.

“Abbiamo avuto il timore, circa 10 anni fa, che le cose non sarebbero andate sempre bene come in passato e quindi ci siamo preoccupati di far crescere l’ azienda ma ritenevamo che la strada maestra fosse quella di fare acquisizioni. Sono capitate le opportunità e le abbiamo colte.”

Secondo Bauli, poi, la classe politica italiana non ha una capacità di marketing globale: “bisogna capire – ha detto – cosa l’ Italia può fare bene. La moda, l’ alimentare, il design sono settori in cui primeggiamo nel mondo e la politica dovrebbe sostenere queste attività con lo scopo di aumentarne l’ export. In futuro i consumi in Italia non cresceranno ma quelli all’ estero sì.”

Ed anche in questa chiave di espansione fuori dai confini italiani, viene visto Expo 2015: “può essere un trampolino di lancio formidabile – dice Bauli – ma non vedo molta effervescenza in giro. In Italia verranno milioni di operatori ai quali si potrà far vedere che il settore del food italiano è all’ avanguardia e di qualità”.

 Infine Bauli parla della nostra città, di un territorio che, ammette, conosce poco: “La città di Piacenza – dice – potrebbe giocare un grande ruolo perché è contornata da un gran mondo di materie prime trasformabili con una qualità che in loco si controlla sempre meglio”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank