La mostra di Claudia e Marco Valla “Raccontami una storia”

Sabato 21 dicembre la libreria Bookbank di Piacenza (Via San Giovanni 4) ospita la mostra di Claudia e Marco Valla "Raccontami una storia", a cura di Elisa Bozzi, seconda esposizione della rassegna C/ARTE. Vista la forte caratterizzazione del luogo si è pensato di dare una forte caratterizzazione anche alle esposizioni, che avranno tutte un legame con tutto ciò che è carta. La carta usata come mezzo espressivo, come supporto, il libro, inteso sia come medium sia come protagonista, fatto di pagine fisiche ma anche di storie da raccontare. Si va dalle piccole opere su carta al libro d'artista, fino ad arrivare alle fotografie che hanno come tema la letteratura. Una serie di piccoli eventi artistici mirati, pensati ad hoc per la location in cui si svolgeranno.

blank

La mostra sarà visitabile dal 21 dicembre al 6 gennaio negli orari di apertura della libreria.

 

«Tutto quello che ho saputo guardare, tutto quello che le mie mani hanno messo sulla carta, tutto quello che ho immaginato di poter disegnare, dipingere e inventare lo devo a mio padre.

In vicolo Bartoli avevamo un tavolo quadrato in salotto e un altro piccolo tavolino in cucina ma non ricordo dove mio padre si sistemasse per dipingere. In via Badiaschi avevamo un tavolo con il piano di formica verde e le gambe di acciaio a cui era attaccata una lampada con il braccio estendibile. Mio padre dipingeva lì, quello era il suo studio. In via Emilia Pavese il tavolo della cucina era l’unico in tutta la casa, il suo metro e venti per ottanta centimetri era la superficie piana più contesa durante le ore serali. Ora, in via Puccini, mio padre non ha più soltanto un tavolo su cui dipingere ma un’intera casa-studio. Io, qui in via Pozzo, ho un enorme tavolo allungabile degli anni trenta che viene dalla Germania Est»  (Claudia Valla)

Il rapporto tra Claudia e Marco Valla non è un semplice rapporto padre-figlia, c’è molto di più. Quello tra i due è da sempre un dialogo continuo, fatto di  storie raccontate e immagini guardate, un do ut des che ha per sfondo l’approccio artistico, l’interesse di una figlia che nasce nel vedere il padre dipingere giorno dopo giorno. Marco Valla, autodidatta, crea le sue opere tra pittura e matematica, con una grandissima passione per quello che è il segno grafico, da sempre elemento fondamentale della sua produzione. L’insieme dei segni grafici crea frasi pittoriche di grande effetto, siano esse colorate composizioni, a volte antropomorfe, o bianchi e neri realizzati con la china, quasi a voler spingere al massimo il grafismo. E poi ci sono i quaderni, che si fatica a definire di appunti preparatori. In essi si susseguono, uno dopo l’altro, preziosi disegni, a volte influenzati dalla natura, sempre realizzati con grandissima cura. Nel dialogo con l’artista si inserisce Claudia, la figlia, artista a sua volta che crea un legame con le opere del padre grazie alla presenza, forte e costante, del segno grafico. Una sorta di omaggio a chi ha influenzato le sue scelte di bambina e ragazza, permettendole di avvicinarsi all’arte fin dalla più tenera età.

 

 

 

Claudia Valla – Nata a Soresina, in provincia di Cremona, nel 1980. Compie i suoi studi presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Si occupa di performance e progetti artistici. Claudia è un Operatore Olistico A.S.I. – Accompagnatore alla Scelta Interiore.

 

Marco Valla – Nato a Podenzano nel 1954,  lavora e risiede a Castell'Arquato, in provincia di Piacenza. Dopo alcuni anni di pittura figurativa, dove ha utilizzato diverse tecniche quali pittura a olio, tempere, acquerelli e crete colorate,  verso la fine degli anni ‘90 è approdato a questo genere di pittura utilizzando in prevalenza le tempere acriliche. Tra le esposizioni principali ricordiamo: 2004 e 2005 mostra personale presso Spazio Arte a Castell’Arquato; 2007 I° Classificato concorso estemporaneo a Collecchio (PR); 2008 II° Classificato concorso estemporaneo a Collecchio (PR); 2009 III° Classificato concorso estemporaneo a Collecchio (PR); dicembre 2011 rassegna “for esta terre”  presso studio D’Ars a Milano; febbraio rassegna “for esta terre”  presso Galleria 9 Colonne/SPE/Resto del Carlino a Ferrara; novembre 2012 “Artisti allo specchio- autoritratti di artisti piacentini contemporanei “ presso Palazzo Farnese a Piacenza; 2013 rassegna “EVADOAVANTI”  Grotte di S.Spirito a Castell'Arquato.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank