Non riesce l’impresa: i biancorossi cadono al Palafontescodella

Macerata – Al Palafontescodella una superba Lube Macerata tramortisce Piacenza rendendola quasi impotente per due set. Servirà ora un mezzo miracolo al Copra Elior Piacenza per ribaltare l'esito del match d'andata di questi sedicesimi di Champions League che ha visto i marchigiani dominare e vincere con un tondo 3-0. Serata davvero stellare per la squadra di Giuliani che grazie a un servizio e a una difesa super ha demolito le certezze del Copra Elior soprattutto dal punto di vista mentale. Il palleggiatore Baranowicz, migliore in campo, si è espresso su livelli eccelsi, premiato dai suoi attaccanti con percentuali altissime, a partire da Zaytsev e da Stankovic. A parte qualche parentesi – a inizio match e nelle fasi centrali del secondo e terzo parziale – Macerata non ha quasi mai permesso a Papi e compagni di credere nella rimonta, imprimendo accelerazioni decisive al servizio (in particolare con Zaystev e Kurek nel terzo parziale) e spegnendo con la difesa ogni velleità biancorossa (Henno una sicurezza). Eloquente l'andamento delle azioni lunghe vinte tutte da Macerata, sintomo di grandissima determinazione e voglia di vincere. Piacenza può rammaricarsi per quel terzo set in cui era in vantaggio 16-13 e per le troppe difficoltà patite in ricezione. Tra sette giorni il ritorno al Palabanca.
 

blank

LUBE MACERATA – COPRA ELIOR PIACENZA = 3-0 (25-22  25-21 25-23)
Lube: Baranowicz, Zaytsev, Parodi, Kurek, Stankovic, Podrascanin, Henno (libero), Monopoli, Martino, Giombini, Kovar all. Giuliani
Copra Elior: De Cecco, Vettori, Fei, Simon, Papi, Kaliberda, Marra (libero), Partenio, Tencati, Zlatanov, Husaj, Smerilli, Le Roux all. Monti

 

 

Impianto: Palafontescodella di Maceratara 
Arbitri:David Gril SLO e Paul Catalin in Szabo -Alexi ROM

Macerata: Baranowicz e Zaytsev in diagonale, Podrascanin e Stankovic al centro, Kurek e Parodi in banda. All Giuliani. 
A disposizione: Kovar, Patriarca, Martino, Monopoli, Giombini

Piacenza: De Cecco e Vettori in diagonale; Simon e Fei al centro Papi e Kaliberda in banda. Marra libero All. Monti
A disposizione: Zlatanov, Tencati, Le Roux, Partenio, Husaj

Primo set: partenza punto a punto. Il Copra gioca soprattutto con i centrali e si portas avanti al primo time out tecnico. I biancorossi trovano un buon break con Vettori 11-13. Stankovic riporta sotto Macerata 14-15. Piacenza avanti al timeout 14-16. Nuova parità 16-16. Macerata si porta avanti con un ace di Parodi 18-17. Piacenza prova a restare aggrappata al set con il turno al servizio di Fei, ma Macerata non sbaglia un colpo e vince con merito un primo parziale in cui il servizio ed il muro hanno fatto la differenza a favore della Lube. Finisce 25-22. 

Secondo set: si ricomincia punto a punto 5-4. Due grandi difese di Henno consegnano a Zaytsev il punto del 6-4. SI arriva al timeout sul 8-6 per Macerata. Break di Macerata: Kurek segna l'11-7 e Monti chiama timeout. Macerata si porta 14-10: PIacenza sottotono. 2 ace di capitan Zlatanov riportano in partita gli emiliani 16-14. Nuovo allungo di Macerata 19-15. Macerata chiude anche il secondo set. 25-21. I padroni di casa, sfruttando un Baranowicz sempre attento e puntuale, non danno punti di riferimento ai piacentini, che non riescono a contenere gli avversari.

Terzo set: ace d Fei 2-3. Piacenza rimonta fino al 7-8 primo time out tecnico. Si gioca punto a punto 9-10. Out Baranowicz 10-12. Mini break di Piacenza 10-12. Qualche piccola crepa nelle certezze di Macerata: un'invasione ed un errore al servizio, Piacenza ringrazia 10-14. Marra non in giornata: ace di Zaytsev 15-16.  Altro ace di Zaytsev 16-16: break 3-0 di Macerata. Primo tempo di Simon 16-17. Macerata ritrova la parità 17-17. I padroni di casa si affidano ad un Baranowicz impeccabile e chiudono una partita giocata ad aliti livelli 25-23. 

 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank