Addio a Gianni Cuminetti, presidente dell’Unicef e simbolo di solidarietà

Si è spento, all'età di 83 anni, l’avvocato piacentino Gianni Cuminetti, storico presidente provinciale dell’Unicef. Cuminetti era da tempo malato, per questo era ricoverato all'ospedale di Piacenza, ma nonostante i problemi di salute non si è mai sottratto alla vita pubblica continuando a diffondere i valori di solidarietà in cui ha sempre creduto. Insieme a lui prese vita, 19 anni fa, una delle più importanti manifestazioni sportive del territorio, la Placentia Marathon For Unicef.

blank

“Una vera guida per tutti noi – commenta Alessandro Confalonieri, organizzatore della Placentia Marathon For Unicef – ora sarà più difficile proseguire, anche se credo che resterà in mezzo a noi come ha sempre fatto in questi anni nonostante la malattia. Quando sono andato a fargli visita l’ultima volta gli ho raccontato della prossima edizione della manifestazione e vedevo nei suoi occhi il desiderio ardente di essere presente, quasi una convinzione. Sono sicuro che se ne sia andato sereno, sapendo che la Placentia Marathon continua e che i valori che ha promosso in questi anni restano vivi”.

 Lo staff di Radio Sound 95 – Piacenza24 si unisce al dolore dei familiari e porge le più sentite condoglianze.

 

IL CORDOGLIO DEL SINDACO PAOLO DOSI

“Giovanni Cuminetti era una persona buona, nel senso più puro del termine”. Sono le prime parole che il sindaco Paolo Dosi dedica al fondatore del Comitato provinciale Unicef, la cui scomparsa, sottolinea il primo cittadino, “è un lutto che tocca il cuore di tutti i piacentini”. “Con il suo impegno sociale, ispirato da una profonda umanità – rimarca Dosi – ha saputo rendere la nostra comunità più coesa nel nome della solidarietà. La sua è stata una figura capace di unire, di coinvolgere realtà diverse per la tutela dei diritti dell’infanzia, componendo un mosaico in cui spiccano il riconoscimento attribuitoci come città amica dei bambini, il centro di accoglienza che porta il nome di Piacenza a Kinshasa, la Placentia Marathon e la maglia biancorossa che, al posto dello sponsor, recava il marchio dell’Unicef, in quel connubio tra sport e beneficenza di cui è sempre stato promotore”. “Credo – conclude il sindaco – che l’avvocato Cuminetti abbia contribuito in modo determinante a farci riscoprire, negli anni, lo spirito di collettività nel portare aiuto al prossimo. Non ne dimenticheremo l’insegnamento di civiltà e consapevolezza, in lui così trasparente, di essere cittadini del mondo”.  

 

SCOMPARSA DI GIANNI CUMINETTI: IL CORDOGLIO DELLA PROVINCIA 

“Esprimo – scrive il presidente della Provincia di Piacenza Massimo Trespidi – anche a nome della Giunta e del Consiglio provinciale profondo cordoglio per la scomparsa di Gianni Cuminetti. Di Cuminetti ricordo la saggezza, l'umanità profonda e l'equilibrio, doti preziose che lo hanno accompagnato nel corso di tutta l'attività prestata a favore della città. Con Cuminetti ho condiviso la grande passione e l'impegno per la Placentia Marathon for Unicef, vera punta d'orgoglio per la nostra città. La sua anima pacata e il suo spirito solido hanno consentito di costruire un evento prestigioso che significa sport ma soprattutto solidarietà: Cuminetti ha offerto negli anni il suo impegno per i bambini e la comunità piacentina oggi rende omaggio a un grande uomo”.

LE CONDOGLIANZE DELLA SOCIETA' PIACENZA CALCIO

Il Piacenza Calcio 1919 esprime il più profondo cordoglio per la scomparsa dell'avvocato Gianni Cuminetti, grande personalità piacentina da sempre impegnata nello sport e nella solidarietà. Grandissimo tifoso biancorosso, l'avvocato Cuminetti è sempre stato vicino alle sorti del Piacenza Calcio; anche grazie alla sua opera sulla maglia biancorossa ha spiccato e tuttora spicca il marchio dell’Unicef, in un connubio tra sport e beneficenza di cui si è sempre fatto promotore. Il presidente Marco Gatti, il presidente onorario Stefano Gatti, tutti i dirigenti e tesserati del Piacenza Calcio si stringono alla famiglia dell'avvocato Cuminetti per porgerle sentite condoglianze.

 

Scomparsa Gianni Cuminetti, il cordoglio di Paola De Micheli: "La sua opera instancabile è diventata un patrimonio condiviso"

"Una persona autorevole e saggia che è sempre rimasta semplice, che ha speso gran parte della sua vita per una causa nobile, forse la più grande di tutte, l'aiuto e la salvezza dei bambini". Ricorda così, la parlamentare piacentina Paola De Micheli la figura di Gianni Cuminetti, scomparso dopo una lunga malattia. 

"La sua opera instancabile a favore dell'Unicef e il suo lavoro di promozione sociale e sportiva non sono stati soltanto esemplari, ma sono diventati nel corso degli anni un patrimonio riconosciuto e condiviso da tutta la nostra comunità. Credo che questo sia il merito più grande di una persona come l'avvocato Cuminetti e anche la sua eredità. Che ora tutti noi siamo chiamati a non disperdere. Ai familiari va tutta la mia vicinanza e le mie più sentite condoglianze".   

 

Assessore Gazzolo per la scomparsa di Cuminetti: “Un testimone instancabile di solidarietà e generosità” 

Con la scomparsa di Gianni Cuminetti, Piacenza e l’Unicef perdono un testimone instancabile di solidarietà e generosità. Con innumerevoli iniziative, dalle entusiasmanti edizioni della Piacenza Marathon alle innumerevoli campagne di raccolta fondi, ha saputo mobilitare la coscienza di un’intera città rendendola partecipe del dramma di milioni di bambini vittime della fame, delle malattie e della guerra.
Ho sempre provato grande ammirazione per la sua capacità di unire ad un grande impegno civile un’inconfondibile umiltà: questo rendeva Cuminetti una persona veramente speciale. 
Chi ha avuto il privilegio di conoscerlo prova oggi un grande vuoto, pur nella certezza che il suo esempio è ormai diventato patrimonio comune: i valori che ha saputo trasmettere sono oggi parte inscindibile della coscienza di tutta la comunità piacentina.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank