Tornano le proteste dei Si Cobas, mattina di tensione davanti all’Ikea

Le acque sembravano essersi calmate e invece, in mattinata, martedì 3 giugno, alle prime luci dell'alba sono tornati i picchetti al magazzino Ikea di Le Mose. A bloccare i cancelli gli iscritti del sindacato Si Cobas, insieme ad alcuni gruppi studenteschi e della sinistra alternativa, che come sempre hanno usato il loro corpo per impedire l’ingresso delle auto degli altri lavoratori e ai camion in entrata o in uscita. Sul posto erano presenti le forze dell’ordine, che senza il supporto dei reparti antisommossa hanno riportato la situazione alla normalità, a parte qualche diverbio tra dipendenti che volevano lavorare e manifestanti (in allegato la foto della lunga coda ai cancelli). Soprattutto alle prime luci dell'alba si sono vissuti momenti di tensione tra alcuni facchini e alcuni autotrasportatori (VEDI VIDEO). La polizia è riuscita comunque a impedire che la situazione degenerasse. I lavoratori non iscritti ai Si Cobas hanno faticato ad entrare nello stabilimento, i dipendenti che avrebbero dovuto iniziare il turno alle 6 sono riusciti a entrare solo intorno alle 9.

La protesta, dopo un periodo di sosta, è tornata ad esplodere a causa dei provvedimenti adottati dalla cooperativa San Martino (che gestisce il personale) verso i 24 facchini licenziati per aver occupato abusivamente un reparto. Intorno alle 9,30 picchetti sono stati tolti, anche perché l'adesione alla protesta è stata molto bassa (circa una ventina i manifestanti) e gli iscritti al Si Cobas hanno permesso l'apertura dei cancelli con il ritorno alla piena produttività del magazzino Ikea. 

 

 

 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank