Fashion Film Festival: la moda fra atmosfere fiabesche e mondi psichedelici.

“Vogliamo avvicinare sempre più persone al mondo della moda”.Questo è uno degli obiettivi di Constanza Cavalli Etro e con questo Festival, a mio parere, è riuscita a raggiungerlo,almeno in parte,con grande successo,soprattutto grazie all’intelligente legame creatosi tra la moda e un ambito molto più familiare a tutti noi,come quello del cinema. Sebbene molti corti rispecchiassero una visione molto alternativa dell’arte,già dalle prime proiezioni,ho subito notato quanto la fusione di tradizione e innovazione venga messa spesso in risalto,creando contrasti che portano inevitabilmente a riflettere sull’importanza non solo del passato, ma anche del futuro. Un susseguirsi quindi di effetti speciali,giochi di luci,grafismi ipnotizzanti e musiche martellanti,celanti messaggi improntati sulla cultura e sulla sua preservazione.Ognuno in qualche modo ha cercato di far sentire la propria voce,la propria storia o la propria espressione artistica in pochi minuti,puntando sui propri punti di forza: chi, come Salvatore Ferragamo, ha voluto raccontare la propria infanzia,proponendo,sotto la regia di Mauro Borelli,una fiaba emozionante e sognante (“White Shoe”); chi come Prada,con la regia di Wes Anderson,ha fatto un salto all’anno 1955 nel paesino Castello Cavalcanti,elogiando lo spirito del Bel Paese (“Castello Cavalcanti”) e chi ha deciso di confonderci le idee girando video surreali,inquietanti e psichedelici; ma a parte questi corti che erano fuori concorso, a ricevere il premio per miglior Fashion Film,miglior direzione artistica e miglior regista emergente è stato “The purgatory of monotony” di Ace Norton,che con grande vena umoristica ha messo in scena l’assurdità della quotidianità e il desiderio che ne deriva di volersi esprimere senza restrizioni. Un video che, nella sua brevità ha espresso con leggerezza e ironia quel tocco di pazzia che tutti noi celiamo per paura di sembrare troppo diversi e fuori dalle righe,ma che forse dovremmo riesumare per rendere la mondanità uno spasso!

blank

 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank