Guarire le relazioni con la Comunicazione Trasformativa

Torna a Piacenza la Comunicazione Trasformativa con un Laboratorio Base che si terrà il 4 Ottobre 2014 a Gazzola, dalle 14,30 alle 18,30 presso la sede dell’Associazione Neotopia.

blank

A chi può servire questo metodo? A tutti, secondo il suo creatore, Federico Fioretto, piacentino esperto di comunicazione per la trasformazione dei conflitti che opera da tempo a livello internazionale. In effetti chi di noi può dire di avere relazioni perfettamente equilibrate in tutti gli ambiti della propria vita? Lavoro, famiglia, vicinato… chi più ne ha più ne metta!

L’essere umano è un animale sociale, e la sua vita è fondata sulla comunicazione; per tutta una serie di ragioni quest’ultima è spesso insufficiente a garantire buone relazioni, a manifestare pienamente le nostre esigenze e desideri e, soprattutto, a ottenerne la soddisfazione. Alcuni esempi? Che siamo un figlio che non sa come seguire le proprie inclinazioni senza “scontentare” i genitori o la famiglia, un dirigente che non ottiene dai collaboratori l’impegno che desidera, un’impiegata che non ne può più di un collega invadente e prepotente, una moglie che non riesce a farsi ascoltare dal marito per le proprie necessità, tutti noi sperimentiamo frequentemente conflitti e difficoltà nelle relazioni.

Queste esperienze, spesso molto dolorose, costose e durature, originano dal mancato sviluppo delle capacità di comunicare in modo efficace che tutti possediamo, ma che non vengono attivate – anzi sono bloccate – dal nostro modello educativo/culturale.

Dunque, il primo messaggio che viene dalla Comunicazione Trasformativa è che tutti hanno la possibilità di diventare comunicatori efficaci e creare nella propria vita le relazioni che desiderano. Infatti, il metodo ideato da Fioretto, è accessibile a tutti. Esso consente, con semplici accorgimenti e attenzione ad alcuni aspetti chiave delle relazioni, di trasformare le frizioni che sperimentiamo nel quotidiano lavorativo o personale in altrettante opportunità di esprimere il nostro potenziale creativo e raggiungere gli obiettivi che ci prefiggiamo: l’armonia nell’ambiente lavorativo, il coinvolgimento dei collaboratori negli obiettivi, la concordia e la libertà di espressione nella famiglia, il dialogo pacifico con i vicini e così via.

Rispetto ai metodi di risoluzione dei conflitti e alle tecniche di comunicazione più comuni, il metodo originale sviluppato da Federico Fioretto ha il vantaggio di un approccio molto pragmatico che viene dall’esperienza duplice del suo creatore come manager e uomo d’azienda da un lato e life-coach con una lunga esperienza nel campo dello sviluppo personale dall’altro.

I casi e gli esempi utilizzati permettono pressoché a chiunque di identificarsi e scoprire come i “trucchi” del metodo siano immediatamente applicabili al proprio caso concreto.

Infine, la Comunicazione Trasformativa si applica non solo alle persone ma anche alle organizzazioni, nelle quali l’autore ha accumulato un’esperienza ormai trentennale: la cattiva comunicazione tra funzioni e organi di un’impresa, un ospedale o di un’amministrazione porta allo spreco o al cattivo uso delle risorse, mettendo a rischio il raggiungimento degli obiettivi.

L’individuazione delle cause prime di questi conflitti con la successiva trasformazione di questi rischi in opportunità costituisce la base di una buona pratica manageriale, rendendo dunque la Comunicazione Trasformativa uno strumento non solo di creazione di benessere per le persone, ma anche di competitività ed efficienza per le organizzazioni di ogni tipo.

Chi fosse interessato a iniziare la conoscenza del metodo della Comunicazione Trasformativa e apprendere i primi strumenti immediatamente applicabili può iscriversi al Laboratorio Base del 4 Ottobre, a Gazzola (PC), inviando una mail a federico@federicofioretto.biz oppure un sms al 345 4669446.

Maggiori informazioni sul laboratorio e sulle PROMOZIONI all’indirizzo http://www.federicofioretto.biz/sostenibilita/cosa_faccio_comunicazione_T.html

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank