Pillole per riflettere: L’eredità dei 17 cammelli

blank
blank

Una storia racconta che tanto tempo fa un ricco sceicco, molto malato, decise di fare testamento e lasciare ai suoi 3 figli, tutti i suoi beni, ma soprattutto la cosa a cui teneva di più. I suoi 17 cammelli.

blank

Lo sceicco decise di spartire in egual modo tutti i beni, tuttavia, per i cammelli volle seguire la vecchia tradizione di famiglia ovvero che al figlio maggiore sarebbe andato 1/2 dei cammelli, al secondo sarebbe andato 1/3 dei cammelli e al più giovane sarebbe andato 1/9 dei cammelli.

Nella spartizione dei cammelli si doveva tenere conto che: nessun cammello doveva essere privato della vita; che le quote assegnate non fossero cambiate; e che gli eredi giurassero di prendersene cura come aveva fatto lui altrimenti avrebbero perso il diritto all’eredità.
Lo sceicco morì.

I figli, dopo aver sepolto il vecchio padre, cominciarono a discutere sul modo di dividere correttamente l’eredità.

Il primogenito affermò: “A me spetta la metà dei cammelli, cioè 8 cammelli e un pezzo, cioè 8,5” 

Il secondogenito aggiunse: “A me spettano 1/3 dei 17 cammelli, cioè 5,6.”
Il terzogenito concluse: “Secondo la volontà del padre nostro mi spetta 1/9 dei 17, cioè 1,9.”
Incredibile! Ognuno avrebbe dovuto tagliare un pezzo di un cammello. 
I tre fratelli provarono e riprovarono a dividere fra loro i cammelli senza peraltro arrivare ad una soluzione, nel rispetto  delle volontà del padre.

Poichè non volevano affatto litigare, decisero di rivolgersi ad un saggio. Costui, esaminato il testamento, accettò l’incarico e propose questa soluzione:   
dato che i cammelli erano 17 e che quel numero non avrebbe dato un calcolo esatto, aggiunse un suo cammello a quelli dell’eredità, così da farli diventare 18, numero che invece è multiplo di 2 di 3 e di 9. 
Al primo dei tre ragazzi toccò la metà dei 18 cammelli ossia 9 cammelli. 
Il secondo dei figli ereditò 6 cammelli, ossia un terzo del totale delle bestie. 
2 cammelli andarono invece al terzo figlio dato che un nono di 18 dà 2. 
Il saggio a questo punto fece notare ai ragazzi che la somma dei cammelli che aveva spartito tra loro dava 17, ossia 9+6+2=17, e dato che i cammelli presi in considerazione per il calcolo erano stati 18, ne avanzava uno, proprio quello del saggio. Egli chiese ai ragazzi se in questo modo si ritenevano soddisfatti e costoro, colmi di gratitudine poichè ognuno di loro aveva ricevuto più di quanto secondo i loro calcoli spettasse, gli restituirono il suo cammello.

Il saggio li ringraziò, salì sul cammello e l’ultima cosa che i tre fratelli videro fu una nube molto piccola di polvere che velocemente si collocava in un colorato sole serale.

 

Leggi anche: Il BenEssere coinvolge anche la capacità di negoziare – AUDIO

 madre figlia

 

 

Questa storia viene solitamente narrata quando si parla di negoziazione ma l’aspetto oltremodo interessante va oltre e ci può condurre a riflettere come spesso una visione limitata della realtà ci porta a non vedere le soluzioni che invece sono lì, a portata di mano.

Del resto, facendo un semplice ragionamento matematico, si osserva come la somma delle parti nelle quali viene divisa l’eredità non è uno (metà + un terzo + un nono non fa 1). In effetti tale somma da come risultato 17/18, avanza cioè un diciottesimo (il cammello aggiunto dal saggio in modo da non dover “tagliare” i cammelli).

Come può essere che nella storia, tutti sembrano aver misteriosamente guadagnato qualche cosa  !!! (??)

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank