Allarme furti, vademecum per inquilini e incontri con le forze dell’ordine

Un vademecum per inquilini e condomini per fronteggiare l’emergenza furti, per non rimanere spiazzati ma, al contrario, per avere un’idea chiara dei pochi ma indispensabili comportamenti da tenere in caso di furto subìto o nel caso si sospetti che possa essere in corso un colpo. E ancora, incontri periodici con rappresentanti delle forze dell’ordine – polizia e carabinieri – per chiarire dubbi, chiedere consigli e per accorciare le distanze tra tutori dell’ordine e cittadini da tutelare. L’idea è sul tavolo, manca solo l’operatività. E ci sarà a breve visto che il tavolo è di quelli importanti: è il tavolo del prefetto Anna Palombi davanti alla quale ieri si sono trovati i rappresentanti delle istitutzioni e degli enti che lo scorso 19 giugno hanno siglato il “Documento di intenti comuni”  finalizzato ad assicurare la “maggior sicurezza possibile nelle abitazioni e nei condomini, nonché favorire la serena e civile convivenza, migliorando la vivibilità e la sicurezza negli ambiti residenziali condominiali e privati”. I soggetti sono Comune di Piacenza, Questura, Carabinieri, Associazione Proprietari Case-Confedilizia, Gesticond, Registro Amministratori, Assocasalinghe e Domusconsumatori.

blank

Ieri, dunque, la prima riunione trimestrale del gruppo di lavoro nato per passare dalla teoria ai fatti e coordinato dal viceprefetto Marilena Razza. L’esigenza di velocizzare i tempi è dettata da una recrudescenza di furti soprattutto in alcune zone residenziali della città: episodi che hanno messo in allerta i soggetti interessati e soprattutto hanno creato e stanno creando allarme tra i cittadini. Quello dei furti, si sa, è un fenomeno duro a morire nonostante l’impegno delle istituzioni; e a Piacenza lo è più che mai: è una città di confine, in Emilia-Romagna ma a due passi dalla Lombardia, con più autostrade che la sfiorano; insomma, una manna per la criminalità mordi e fuggi e un problema non da poco per chi deve presidiare il territorio. E proprio per questa ragione l’idea è quella di coinvolgere il più possibile i cittadini in modo che siano in grado di dare informazioni rapide ed efficaci facilitando così sia il lavoro di prevenzione sia quello di repressione dei reati.  

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank