Sotto effetto di metadone travolse e uccise ciclista indiano: 2 anni e 8 mesi

Ha patteggiato una pena di 2 anni e 8 mesi di reclusione il 30enne piacentino che nel giugno del 2013, alla guida della sua auto sotto gli effetti del metadone, travolse e uccise il giovane indiano Singh Surijnder, solo 20 anni, che era sul ciglio della strada a bordo della sua bicicletta. Il corpo di Singh, che abitava con la famiglia a Calendasco, fu trascinato dalla vettura per 800 metri. Quando il conducente se ne accorse, il ragazzo era in fin di vita e morì la sera stessa all’ospedale di Parma per le gravi ferite riportate. Il fatto avvenne il 15 giugno del 2013 tra San Nicolò e Rottofreno, intorno alle 14. Il giovane indiano fu investito dall’auto del piacentino che era da poco uscito dal Sert dove aveva assunto metadone. Quest’ultimo venne incriminato per omicidio colposo e guida sotto l’effetto di sostanze psicotrope. Questa mattina (5 dicembre) l’imputato, assistito dall’avvocato difensore Gianmarco Lupi ha patteggiato di fronte al giudice Elena Stoppini e al piemme Ornella Chicca. Rinku, così era chiamato il giovane straniero che era in Italia da quattro anni e lavorava al ristorante Old Wild West, era molto amato dalla comunità di Calendasco.

blank
Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank