Prostituzione sull’asse Piacenza-Albania, lucciola e affittacamere patteggiano

Due patteggianti e un giudizio abbreviato. È l’esito del processo che si è svolto questa mattina (10 dicembre) davanti al giudice Giuseppe Bersani relativamente a tre imputati coinvolti nell’operazione Kollovar (in albanese “amante” o “bella vita”), l’inchiesta che nella primavera scorsa portò a 14 arresti e che fece emergere una fiorentissima attività di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione sull’asse Piacenza-Albania gestita in primis dai fratelli Uku, Donard e Mersin. Una prostituta albanese di 40 anni (assistita dall’avvocato Vittorio Antonini) che gestiva una piccola scuderia di colleghe, ha patteggiato due anni di detenzione, pena sostituita con l’espulsione dall’Italia e con il divieto di farvi ritorno per i prossimi cinque anni. Ha patteggiato un anno e 2 mesi di reclusione un uomo di origini italiane (assistito dall’avvocato Romina Cattivelli) accusato di favoreggiamento della prostituzione: avrebbe messo a disposizione del sodalizio criminale alcune camere in città dove poi le lucciole ricevevano i clienti. Un altro albanese di 34 anni (assistito dall’avvocato Paolo Lentini) ha invece ottenuto di essere giudicato con rito abbreviato condizionato.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank