Un Super Italiano non basta: la Bakery si arrende nel finale a Reggio Calabria

Una Bakery tutto cuore non basta a fermare l’ostacolo Reggio Calabria. La Viola si impone 88-83 dopo una gara di grande intensità. Sino all’intervallo lungo le due formazioni sono rimaste in sostanziale equilibrio con altissime percentuali di realizzazione dai 6 e 75. A spaccare il match è stato il terzo quarto. Al rientro dagli spogliatoi Piacenza fa tutto al meglio e si porta a dieci lunghezze di vantaggio, sfruttando le  “bombe” di Rombaldoni, Gasparin e Sorokas. Poi, a 5’ dalla fine della frazione, la luce si spegne. La Pallacanestro Piacentina fatica a trovare la via della retina, gli ospiti, paradossalmente, trovano proprio in quel frangente il loro momento migliore e riesce addirittura a portarsi sul 61-75. La formazione di Coppeta non si arrende e si aggrappa ad Italiano. Il numero 13 del team di Marco Beccari suona la carica e riapre di fatto il discorso: è proprio lui ad appoggiare a canestro il punto del 79-79. Da quel momento si rivede un film già visto con i piacentini beffati negli ultimi secondi dagli episodi. Il 28 dicembre Rombaldoni e compagni saranno di scena a Scafati nel tentativo di riproporre, al di là dei risultati, le cose positive messe in campo nelle ultime due uscite di campionato.

blank

Il tabellino:
Piacenza: Rombaldoni 17, Sorokas 18, Gasparin 14, Rossetti 2, Infante 8, Galli, Stefanini, Italiano 21, Hill 3. NE Mazzocchi. Coach Coppeta

Reggio Calabria: Deloach 17, Rezzano 13, Rossi 13, Rush 16, Ammannato 11, Casini 14 Azzaro 4, Lupusor. NE De Meo, Florio. Coach Benedetto

Primo quarto: Coach Coppeta schiera Rombaldoni, Gasparin, Sorokas, Infante e Rossetti. Reggio Calabria risponde con Deloach, Rezzano, Rossi, Rush, Ammannato sotto la direzione di coach Giovanni Benedetto.
Ottima partenza ella Bakery che trova subito la tripla di Rombaldoni 7-4.  Rossi risponde sempre dalla distanza 11-11.  I biancorossi allungano con Gasparin ed Infante e costringono gli ospiti al primo timeout sul 17-11.  La Viola torna in partita con Deloach che prima chiude un gioco da tre punti, poi sfrutta l’artiglieria pesante. La frazione su chiude sul 21-20 per Piacenza.

Secondo quarto: la gara si gioca a ritmi sostenuti e le due formazioni non disdegnano le soluzioni dai  6 e 75: Italiano e Gasparin, fuori dall’arco, rispondono a Casini (27-23); poi è Hill a deliziare il PalaBakery.  Italiano fa 2/2 dalla linea della carità e riporta i biancorossi a 5 punti di vantaggio con 5 primi da giocare nella frazione. Reggio Calabria non ci sta e con una serie di giocate individuali si riporta sotto 35-34 e Coppeta chiama timeout. Rossi e Casini pungono ancora da lontano, ma è il team di Beccari a chiudere in testa alla sirena dell’intervallo lungo 46-42.

Terzo quarto: Piacenza torna in campo con Rombaldoni, Stefanini, Gasparin, Infante e Sorokas. I biancorossi impegano solo 20’’ a trovare la tripla del capitano, seguita a ruota da quella di Gasparin 53-44.Il vantaggio sale a dieci punti con un’altra invenzione di Sorokas (57-47). A metà della frazione una serie di amnesie della prima frazione una serie di amnesie difensive dei locali rilanciano la Viola, che con Rezzano di sicporta addirittura a -2 (61-59). Rezzano e Rush firma il sorpasso (61-63).  Lo stesso Rush chiude un gioco da tre punti (61-66).  Per oltre tre minuti i locali stentano a trovare le vie della retina. Reggio Calabria ne approfitta e si porta sul 61-75. Un quarto che spacca in due la partita, iniziato nel migliore dei modi per la Bakery e chiuso con 5 primi di difficoltà a trovare le soluzioni in attacco.

Quarto quarto: Nazzareno Italiano suona la carica (66-75): una realizzazione importante che restituisce linfa vitale alla fase offensiva di Piacenza. Stefanini appoggia a canestro due punti importantissimi (70-77). Il numero 13 della Pallacanestro Piacentina ad il là al tentativo di rimonta, alimentato da Gasparin e Sorokas (77-79).  La difesa dei locali diventa quasi impenetrabile, ed Italiano impatta definitivamente sul 79-79. Si lotta su ogni pallone. A 30’’ dalla fine Rossi allunga per la Viola (83-86). Il 2/2 dai liberi di Casini chiude le ostilità. Finisce 88-83 per Reggio Calabria, con Piacenza che ha comunque lottato ad armi pari con l’avversario sino all’ultima sirena.
 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank