Poetry Break: le poesie e i sassi d’autore della piacentina Carla Delmiglio

A Poetry Break, come accade spesso, ecco un autore in carne ed ossa e perdipiù della nostra città, Piacenza! Per la prima volta ospite una donna, una poetessa sensibile, un'artista a tutto tondo che sarà tra le protagoniste di un evento organizzato dal Piccolo Museo della Poesia, in Piazzetta della Pace, a due passi dal Duomo Piacentino, domenica otto marzo in occasione della festa della donna, alle ore 17 e 45.

blank

Carla Del Miglio, figlia, moglie, madre e giovanissima nonna di una splendida bambina, Agata coniuga lavoro, famiglia e arte in modo splendido. Ha pubblicato da poco il libro di poesie “Frammenti di pensiero” che contiene molte liriche introspettive e piene di squarci e visioni di mondi e colori tutti da scoprire.

All'attività di poetessa, infatti Carla affianca quella di pittrice ed i particolare di pittrice di sassi, quelli del nostro fiume Trebbia, che trasforma in vere e proprie opere d'arte e che espone in mostre dedicate o addirittura proprio sul fiume.

Per farvela conoscere meglio, estrapolo qualche riga dal suo interessantissimo blog www.cuoredisasso.it

 

 

“Ciao, sono Carla, è difficile presentarsi così, con due parole, si rischia di non dire niente che ti identifichi veramente.

Diro' di me poche cose, sono stata per tantissimi anni vittima di una timidezza limitante e ad un certo punto della mia vita ho deciso di uscirne cercando di comunicare utilizzando i mezzi che più mi appassionano: la scrittura, da qui il libro di poesie "Frammenti di pensiero", la pittura su sasso e perchè no, proprio questo blog.

Vorrei che mi conosceste poco a poco proprio attraverso questo modo di comunicare così nuovo per me, ma forse non per voi.
Amo scrivere poesie o testi che in genere servono per chiarirmi meglio le idee, impressionare su un foglio di carta i miei pensieri è sempre stato un modo per renderli concreti.
Donandogli uno spazio fisico mi pare di poterli meglio riordinare come se fossero oggetti fuori posto. 
Amo dipingere soprattutto sui sassi che raccolgo al fiume, credo di amare tanto ma sono ancora piena di dubbi e domande, cosa dite se proviamo a parlarne insieme?”

Carla ha scelto di proporci questo brano, letto da lei stessa

 

Chi sono?

 

Inevitabilmente deluderò

quella parte di te

che si ostina a pensar bene di me

Chi sono?

Inutile dire chi sono

Sono come mi vedi oggi

Sono come mi senti ora

Sono mille

Sono quanti siete voi oggi

mille tu

e mille io

per mille loro

non per questo non sono io

una e unica

ma quella che vedo

riflessa nel mio benevolo specchio

o nel tuo occhio d’amante

è solo una parte di me

armonicamente unita

alle mille parti di me che voi vedete

perfezione dell’imperfezione

coerenza dell’incongruenza

perché sono viva

Carla Del Miglio

 

E' un brano intimistico ma insieme anche caleidoscopico, che nasce da una visione personale capace di allargarsi tuttavia anche agli altri.

A questa lirica ho abbinato una recente canzone di uno dei nostri rocker più popolari, ovvero Ligabue con la sua “Siamo chi siamo”, un testo in cui trovo una rispondenza con il testo di Carla specialmente nelle parole “Conosco le certezze dello specchio e il fatto che da quelle non si scappa e ogni giorno mi è più chiaro che quelle rughe sono solo i tentativi che non ho mai fatto”. Musica e poesia ancora insieme quindi qui a Poetry Break!

 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank