La Commissione delle elette: “Stop alla pubblicità offensiva per le donne”

“Evitare la diffusione sui  bus cittadini e sugli spazi dedicati alle pubbliche affissioni  di una pubblicità offensiva della dignità delle donne, in quanto  troppo spesso ci si trova di fronte all'assenza di correlazione tra il prodotto pubblicizzato e le immagini proposte (es un prodotto commerciale  e il primo piano di una parte di un corpo);  e dotarsi di regole per valutare e contrastare la diffusione di messaggi pubblicitari discriminatori e lesivi della dignità delle donne”.

A chiederlo è la commissione delle Elette del Comune di Piacenza, presieduta da Maria Lucia Girometta, in una mozione presentata all’attenzione del Comune. Qui di seguito il testo. 

Il Consiglio

–   vista la direttiva 2004/113/CE del Consiglio, del 13 dicembre 2004, che applica il principio della parità di trattamento tra uomini e donne per quanto riguarda l'accesso a beni e servizi e la loro fornitura e vista la sua risoluzione del 25 luglio 1997 sulla discriminazione della donna nella pubblicità,

–   vista la risoluzione nr.1557(2007) dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa dal titolo "Image des femmes dans la publicité",

–   visto il Patto europeo per la parità di genere adottato dal Consiglio europeo di Bruxelles del 23 e 24 marzo 2006,

–    vista la risoluzione nr.2008/2038 del Parlamento Europeo del 3 settembre 2008 sull'impatto del marketing e della pubblicità sulla parità tra donne e uomini,

– vista la risoluzione n. 2012/2116 del Parlamento Europeo del 12/03/2013  sull'eliminazione degli stereotipi di genere nell'Unione Europea

–   visto il protocollo d’Intesa tra il Ministero Pari Opportunità e il Presidente dello IAP del 26.01.2011

– Visto che numerosi comuni hanno attuato iniziative di contrasto alla pubblicità offensiva (Firenze, Genova, Ravenna, Rimini, Roma, Torino, Vicenza, Milano)

Considerato che

  • la pubblicità che presenta messaggi pubblicitari discriminatori e/o degradanti basati sul genere e gli stereotipi di genere sotto qualunque forma rappresentano ostacoli per una società moderna e paritaria,
  • gli stereotipi possono contribuire a comportamenti che costituiscono altresì            vettori di identificazione, ed è necessario combatterli a tutti i livelli della società per consentire l'uguaglianza e la cooperazione tra le donne e gli uomini tanto nella sfera privata quanto in quella pubblica,
  • gli stereotipi di genere possono contribuire fin dai primi anni di socializzazione del bambino a una discriminazione di genere che consolida il perpetuarsi delle ineguaglianze tra uomo e donna lungo tutto l'arco della vita e l'emergere di comportamenti di segregazione in base al genere,
  • occorre eliminare gli ostacoli che si frappongono alla trasmissione di un'immagine positiva dell'uomo e della donna nelle diverse situazioni sociali,
  • una pubblicità responsabile può influire positivamente sulle percezioni della società relativamente a nozioni come "immagine del corpo", "ruoli di genere" e "normalità" e che la pubblicità può essere uno strumento efficace per opporsi e combattere le disuguaglianze e le discriminazioni

 

Impegna il Sindaco e la Giunta

A porre in essere tutte le azioni necessarie per  evitare la diffusione sui  bus cittadini e sugli spazi dedicati alle pubbliche affissioni  di una pubblicità offensiva della dignità delle donne, in quanto  troppo spesso ci si trova di fronte all'assenza di correlazione tra il prodotto pubblicizzato e le immagini proposte (es un prodotto commerciale  e il primo piano di una parte di un corpo) 

a dotarsi di regole per valutare e contrastare la diffusione di messaggi pubblicitari discriminatori e lesivi della dignità delle donne. 

 

 

                                                                  M.Lucia Girometta (Presidente)

                                                                  Laura Rapacioli

                                                                  Sandra Ponzini

                                                                  Miriam Bisagni

 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank