Tal dig in Piasintein: L’era pena un curtil…

Sabato 21 marzo è stata la Giornata Mondiale della Poesia e la “nostra” Anna Botti, che ogni lunedì sentite in “Nessun dorma” con la rubrica sulle poesia in dialetto piacentino, proprio in quel giorno ha ritirato il Premio Valente Faustini per la poesia "L'era pena un curtil…" che, stamattina, è venuta a leggere dal vivo nei nostri studi.

 

Come al solito di seguito trovate un piccolo estratto, mentre per ascoltare il testo completo vi basta cliccare sul podcast in fondo alla pagina.

 

 

L’era pena un curtil …

 

“Tant vuz is rincurran in di pinser,

vuz ch’is rincurran incö tant cmé ier,

vuz brius ch’i ciamävan pr’al disnä,

vuz ad cà ch’i ciamävan par salütä,

vuz d’una curt piina dill so ciacciar,

con la so roba veccia, ill so gnaccar…

una spazzura, la legna in d’un canton,

gatt, una tolla ‘d pittüra tacc al bidon,

la rampigaröla in si mür, un lavandein,

una statua antiga là in fond al giardein

e l’udur ca gniva sö, udur ad canteina,

l’udur ca sintiva in dla cà dla Ruzeina,

cl’avcina ca sa scadäva con dla cärta

e la durmiva col paltò sutt a la cuerta;

la curt coi pagn dastes e cla meraviglia

da parläss da una cä a l’ätra in famiglia.”

 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank