Grande partecipazione al Campionato Nazionale di Carretti

Ottima riuscita della due giorni organizzata dalla Pro Loco Giovani  il 28 e 29 Marzo 2015. Alla gara hanno preso parte 75 equipaggi, provenienti da più parti d’Italia. La palma del partecipante  giunto da più distante è spettata al concorrente Piuca Claudio giunto fin da Trieste per disputare la gara.  

blank
Con la cornice di un cielo sereno ed un clima primaverile , i risultati sono stati i seguenti:
Per la categoria N8 (carretti su cuscinetti a sfera), valevole per il campionato italiano, la vittoria è andata a Michele Mattioli del Team Perugia Carts,  campione italiano in carica da due stagioni che ha iniziato alla grande la stagione con il tempo di 2’ 55’’ e 25 centesimi, seguito da Ramiro Mattioli dell’omonimo Team e da Marino Franzoni della Scuderia Franzoni (BS) ; 
per la categoria cuscinetti doppi  N9 (biposto) valevole anch’essa per il campionato italiano, la vittoria è andata alla coppia Rossi – Chiaravalle del club Speed Down Emilia Romagna con un miglior tempo di  3’ 07’’ 28 centesimi , seguiti da Ghinassi  – Lapini  e Guastamacchia – Righetti del Club Carrioli Emilia Romagna di Bologna; 
per la categoria N9S, che prevede carretti doppi su cuscinetti a sfera con facoltà di spinta del copilota, la vittoria è andata alla coppia Tasso – Drago dell’Acli San Colombano (Ge), seguiti dai pavesi Piva – Scupelli e Fiorentini Pizzardi;
passando ai bob gommati, categoria C6 (carenati e e biposto), valevole per il trofeo italiano challenge,  la vittoria è andata a ai Veronesi  Guidetti – Siligardi del team Dameiana seguiti da  Droise – Galgani della Metaltek corse; 
 sempre per il trofeo italiano challenge hanno gareggiato i Drift Trikes, tricicli con al posteriore ruote da go – kart, che fanno della derapata uno “stile di vita”; il podio è risultato composto da Righi Lorenzo, che ha fermato il cronometro a 2’ 46’’ e 11 centesimi, Fini Aligi e Lolli Luca, tutti e tre del Teamleggero di Bologna. 
Per la categoria Folk, mezzi folkloristici delle varie località d’Italia, la vittoria è andata a Crescini Roberto del Team Nelly Lumezzane, con un miglior tempo di 2’ 15’’ e 40 centesimi a bordo del “Generale Lee, carretto carenato come la famosa macchina della contea di Hazzard, seguito da Vanoli Giacomo da Ossimo con un bellissimo mezzo carenato da Ferrari 430 completo di fari e Corbelli – Zini da Reggio Emilia.
Per la categoria N5k, kart tradizionali privati del motore, il gruppo più numeroso,  la vittoria è andata a Piccinini Andrea, toscano del Team Villa Basilica, con un miglior tempo di 2’ 09’’ e 84 centesimi, seguito da Zanardelli Massimo del Team Nelly Lumezzane e Cognolatto Davide da Verona.
Per la categoria C8, kart anch’essi privata del motore la vittoria è andata a Guidi Massimiliano, del Team 2B Tecnosport, con un miglior tempo di 2’ 10’’ 69 centesimi, seguito da Belli Nico della Metaltek corse e Domenighini Diego del Team Missili Malegno (BS).
Per la categoria C7, carretti gommati  (corrono su gomme piene tipo muletti), la vittoria è andata a Longhena – Rossi da Verona, con un miglior tempo di 2’ 19’’ 83 centesimi seguiti da Pinzi – Dozzi del Club Carrioli Emilia Romagna e Baldinazzo – Tiso da Verona.
Infine per la categoria Minikart, categoria junior della federazione, la vittoria è andata a Crescini Gianluca da Lumezzane, seguito dalle giovani Dottori Gaia da Macerata e Gori Luna del gruppo Karts Vallimentra.
Presente anche un simpatico LongBoard a forma di chitarra, con tanto di radio al seguito, una sorta di Skateboard in cui si pilota e si frena con mani e piedi.
Un plauso ai corridori al debutto che hanno difeso i colori della Pro Loco di Gropparello Moglia  Fabrizio – Cakoni Aurel, Iudicello Salvatore, Foppiani Vittorio, Carini Valerio, Facchini Andrea e la coppia Lottilli Roberto e Rolleri Luca.
I corridori e gli addetti ai lavori hanno speso parole di elogio per la tappa di apertura della stagione agonistica  in Valvezzeno, per il percorso, lungo 2 km e con punte di pendenza del 17%, a loro parere veloce, tecnico e selettivo al pari dei migliori calcati, per la buona organizzazione,  da parte della Pro Loco Giovani di Gropparello ed infine per la buona cucina piacentina gustata nei due giorni di permanenza.
Tante persone, sono giunte a seguire le discese nei punti più spettacolari del percorso e si può stare certi che, vista la buona impressione fatta in queste due edizioni, se sarà possibile ripetere la manifestazione, le presenze non potranno che aumentare (alcune gare italiane vantano anche 120/130 equipaggi iscritti).

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank