Castello, 109 chili di prodotti irregolari o scaduti sequestrati in un market

Ben 109 chili di generi alimentari "irregolari" sequestrati. E' il risultato dell'operazione messa in atto dai reparti Nas (Nuclei antisofisticazione) e Nil (Nuclei Ispettorato del Lavoro) dei carabinieri a Castelsangiovanni. Nel mirino è finito un minimarket gestito da un marocchino di 39 anni. Nei giorni scorsi i militari hanno compiuto una serie di accertamenti in alcune attività della provincia, tra questi è stato passato al setaccio anche l'esercizio in questione condotto dal nordafricano. Dopo un'attenta analisi gli investigatori hanno raccolto 109 chili di generi alimentari di vario genere giudicati irregolari e non adatti alla vendita per due motivi in particolare. Una parte dei prodotti in questione, nello specifico 47 chili, è risultata proprio scaduta. I restanti 62 chili riportavano invece un'etichettatura in lingua straniera, quindi non conforme alle leggi comunitarie. La legge infatti parla chiaro: "L'etichettatura dei prodotti alimentari destinati ad essere venduti nello stato in cui si trovano al consumatore finale deve essere redatta in una lingua facilmente comprensibile; si tratta generalmente della o delle lingue ufficiali del paese di commercializzazione". Per questo motivo il titolare è stato per ora sanzionato e la sua posizione resta al vaglio degli inquirenti che stanno procedendo a ulteriori accertamenti.

Nel corso della stessa operazione i carabinieri hanno effettuato un controllo in un cantiere edile scoprendo un lavoratore in nero. Anche in questo caso una pesante sanzione per il titolare dell'azienda, circa 4mila euro.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank