Tal dig in Piasintein: Parlùm ciär!

Torna l’appuntamento con la poesia dialettale di Anna Botti che, questa settimana, si scaglia ironicamente sulla dilagantemania di “inglesizzare” ogni aspetto della nostra vita quotidiana.
In un mondo in cui non tutti riescono a stare al passo con la globalizzazione linguistica, è davvero così necessario utilizzare così tanti termini inglesi?
Come sempre, di seguito un piccolo estratto della poesia e nel podcast il testo completo recitato.

blank

 

Parlùm ciär!

In d’un mond dua biassä parol ingles
pär l’ünich sistema par dä l’idea d’ess intelligint
me an nin pöss pö da stä in mezz a dla gint
c’l’am turmeinta con dill parulon
ch’im fann vegn la testa sgionfa cm’un ballon.
In di giurnäi, a la television, par la via,
st’ingles al m’è dvintä un’arlia.
In sal lavur, quand fag la spèza, in sal marcä,
dappartütt l’ingles al ma segua, al ma lassa mäi stä.
˗ L’ha tot al “ticket”? ˗ al dmanda cull dal furmäi
e seint rispond da la fila: ˗ Che stress, yes, ok! ˗
Al “market”…l’è un marcä
e che bisogn gh’era da ciamäl acsé?

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank