Tal dig in Piasintein: La ricchëzza dal strassòn

Torna l'appuntamento con la poesia in dialetto di Anna Botti che, questa settimana, ci porta a immergerci nel mondo delle persone che, pur senza niente, riescono a trovare il bello nella vita.
Come sempre, di seguito trovate un piccolo estratto della poesia, mentre per il testo completo recitato basta cliccare sul podcast

blank

 

La ricchëzza dal strassòn.

“Cma fät ad ess cunteint,
acsé piucciòn, seinza deint,
tütt pell e oss,
con la miseria addoss?”
Lü ‘g risponda dignitus:
“Sì, me sum piduccius 
e ‘n g’ho gnint…,
ma la sira g’ho dla gint,   
povra tant cmé me     
e insëma pudum parlä
e stä seimpar attacc
quand al muräl l’è fiacc
e fäs i’augüri pr’al cumpleann
con la candela par scäldas ill man, 
scambiäs i sentimeint
e prima d’ess indurmeint,
däs la bonanott in dal scür camaron,
par truvä  in sogn ill nostar illüsion.

 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank