Tal dig in Piasintein: Cull bell viäl ad tili

Tra i tanti segnali dell'arrivo dell'estate, la fioritura dei tigli è sicuramente uno dei più significativi. 
Almeno per Anna Botti che, partendo proprio dal profumo dei tigli che ha accompagnato la sua infanzia nel cuore di Piacenza, ci porta a fare un viaggio nei suoi ricordi di bambina.

Questa settimana, la sua poesia in dialetto, è dedicata a quei momenti.

 

Cull bell viäl ad tili

Ma bastäva un culp ad veint,

i dé ca sa slungävan leint

e turnäva a mangiä pan e marmlä,

sutt al verd generus dal mé tili,

con la vöia da zügä.

Con ill rundan sa slargäva l’äria

fra i mür dla canonica sulitäria.

In si sass, in sla puar dal so curtil 

sintiva arnass un piaser süttìl

e saltäva sö e zù  col mé ballon

tütt tacchign dal prim giassö al limon.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank