Decimo scippo in viale Sant’Ambrogio. Colosimo: “Subito un presidio fisso”

Attende le donne che a bordo della propria auto parcheggiano nell’area di sosta di viale Sant’Ambrogio, apre la portiera e ruba la borsetta. Stiamo parlando ovviamente dell’ormai noto scippatore seriale che solo giovedì ha messo a segno l’ennesimo colpo, il decimo per la precisione.

“Subito un posto fisso di polizia in zona stazione” chiosa il consigliere comunale di Piacenza Viva Marco Colosimo nel chiedere alla prefettura di intervenire subito:  “Alla luce dello stato di insicurezza che ormai da mesi vige nelle zone della stazione e nei parcheggi adiacenti è necessario un intervento diretto della prefettura, volto ad istituire una postazione fissa di controllo affinché aggressioni, scippi e atti di vandalismo cessino e che soprattutto il protagonista venga consegnato alla giustizia ed espulso immediatamente dalla nostra città. Una città così diventa invivibile, una città insicura non è bella. Vogliamo sicurezza, vogliamo fatti e non chiacchiere. Oggi, subito. Mi aspetto dal Sindaco Dosi la stessa presa di posizione”.

Il primo colpo del malvivente andò a segno il 3 maggio in via Balsamo, lontano dalla stazione dei treni. Lo stesso giorno, poche ore dopo, colpì però in via Abbondanza e da quel momento il teatro dei furti è divenuta proprio la zona di piazzale Marconi. Il ladro, descritto dalle vittime come un giovane di circa 30 anni, carnagione scura e berretto calato sul volto, non parrebbe avere intenti violenti: solo il 26 maggio, dopo aver rubato da un’auto l’ennesima borsetta nel parcheggio di viale Sant’Ambrogio, la donna derubata tentò di opporre resistenza e cadde a terra, fortunatamente senza procurarsi serie ferite. In un altro episodio una donna tentò di rincorrere il malvivente ma venne colta da un leggero malore che la costrinse al ricovero al pronto soccorso. La tendenza generale del borseggiatore, però, è di afferrare il maltolto lasciato incustodito senza entrare in contatto con la vittima individuata. Su tutti i fatti indaga la polizia: non è da scartare l’ipotesi che si tratti di un unico autore per tutti i colpi. 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank