Da Castelsangiovanni a Parigi: le origini piacentine del complice dei kamikaze

blank

Da Castelsagiovanni a Mohammedia, in Marocco, e poi a Parigi dove avrebbe partecipato alle stragi che il 13 novembre scorso hanno messo in ginocchio la capitale francese e sconvolto il mondo intero. Parliamo di Gelel Attar, 27 anni, il presunto fiancheggiatore dei terroristi, amico di Chabib Akrou, l’uomo bomba che si è fatto saltare in aria a San Denis il 18 novembre uccidendo, tra gli altri, Abdelhamid Abaaoud, considerato la mente degli attacchi parigini. Entrambi erano all’interno di un appartamento individuato e accerchiato dalle forze di polizia. La provenienza piacentina di Attar, alias "Abu Ibrahim”, è rivelata da un articolo apparso oggi su Le Monde, quotidiano francese: il giovane, che ha poi assunto la cittadinanza belga, è nato a Castelsangiovanni nel 1989 dove ha vissuto fino ai 15 anni di età prima di tornare in Marocco e poi di spostarsi a Molebeek, quartiere-kasbah belga. Sulle modalità dell’arresto di Attar, avvenuto a Mohammedia, città non lontana dalla capitale marocchina Casablanca, confermato dalle autorità del Belgio, e anche sulle accuse precise di cui deve rispondere il nordafricano non sono ancora stati forniti dettagli.

blank
Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank